Varesotto e start up,in tre mesi sono 1.330

La Prealpina - 26/05/2017

La carica delle 1330 imprese. Tante, secondo una nuova elaborazione della Camera di Commercio di Milano (effettuata prendendo spunti dal registro imprese), sono le aziende nate in provincia di Varese nel primo trimestre dell’anno. Il risultato, che rappresenta poco più del 7% lombardo, posiziona Varese al quinto posto tra le province a livello regionale. A ben vedere, molto meglio il capoluogo lombardo che concentra il 39,2% delle nuove imprese lombarde (7039, ndr), seguito da Brescia con il 12,6% (2279), Bergamo con il 10,3% (1864) e Monza Brianza con l’8,5% (1534). Più in generale, sono oltre 18 mila le imprese nate in Lombardia nei primi tre mesi del 2017.

In altre parole, aprono i battenti circa 200 nuove ditte al giorno. Il 27,1% è costituito da imprese giovanili, il 24,3% da aziende al femminile e il 19,2% da ditte a titolare straniero.

Il record per le nuove imprese giovani va a Sondrio e Lecco (il 36,7% delle nuove iscrizioni), per le neo-imprese straniere invece a Mantova (22,8% delle nuove nate). Sondrio è prima anche per peso delle imprese femminili sulle nuove iscritte (31,3%). Focalizzando l’analisi sulla provincia di Varese, il 30,3% delle nuove iscrizioni è fatto di società che vantano una guida under 35 (in tutto si tratta di 404 start-up, ndr), il 25,8% di vertici a tinte rosa (343) e il 18,9% di imprese con titolare non italiano (in tutto 252). Va detto che in Lombardia esistono varie opportunità di finanziamento per le start up. Per esempio, il bando Intraprendo è una misura adottata da Regione Lombardia per supportare l’avvio di nuovo imprese imprenditoriali.

Possono accedere al bando tutte le start up con un’anzianità inferiore ai 24 mesi, gli aspiranti imprenditori e freelance, i liberi professionisti con attività avviata da meno di 24 mesi, e gli aspiranti liberi professionisti. Un’altra opportunità data sempre dalla Regione Lombardia è un progetto che ha per obiettivo il favorire le nuove imprese e allo stesso tempo incentivare il rilancio di imprese esistenti in difficoltà. È il caso del bando StartUp rivolto alle start up innovative e alle piccole e medie imprese iscritte al registro da non più di 24 mesi.