Varesini al bar di sera Pienone, consumi stabili

La Prealpina - 10/08/2017

varese (e.spa.) I ristoranti e i bar varesini aderenti a Fipe- Confocommercio, restano aperti. Non tutti, certo, ma almeno il 60 per cento non chiuderà i battenti, per lo meno fino a Ferragosto. Non solo. Proprio per la festa dell’estate sono previste iniziative particolari, dedicate ai clienti.

«Abbiamo notato un incremento delle strutture aperte questa estate – spiega Giordano Ferrarese, presidente di Fipe Varese – La scelta è dovuta al fatto che abbiamo notato un maggior numero di presenze in città. I varesini partono più tardi, oppure spezzano le vacanze. E offrire loro un servizio è una opportunità da non perdere». Insomma, locali pieni anche in agosto, «anche se dobbiamo dire – specifica il presidente – che i consumi non sono aumentati. I varesini escono di più, trascorrono le serate al bar ma sono sempre attenti al risparmio». Unico calo di presenze, nel fine settimana, a conferma della nuova tendenza alle brevi fughe dalla città.

Una fotografia, quella varesina, che riproduce esattamente quanto sta accadendo a livello italiano. Secondo i dati della Fipe resterà infatti aperto ben l’89% dei ristoranti e il 72,1% dei bar, percentuale che si pone in leggera crescita rispetto allo stesso mese dello scorso anno. Anche per quanto riguarda i grandi e medi centri urbani non si preannunciano sostanziali variazioni, come dimostrato dal fatto che solo nel 10% dei comuni capoluogo le amministrazioni hanno predisposto un programma di aperture minime garantite dei pubblici esercizi. Nel resto dei comuni le aperture e chiusure verranno regolate dalla normale dinamica di mercato e dalla volontà di ogni singolo imprenditore.