Varese – Via l’asfalto, ai pedoni un percorso in granito

La Prealpina - 22/10/2020

l Distretto del commercio si allarga in termini di enti coinvolti e pianifica un intervento che andrà a cambiare il volto (e la sicurezza) del percorso pedonale da piazza Repubblica al centro storico. È previsto infatti, in via Manzoni, l’addio all’asfalto e agli attuali birilli con catenelle che formano la corsia destinata ai passanti, sul lato sinistro, dalla parte delle Corti per intenderci. Si cambia per migliorare l’immagine ma soprattutto per garantire maggiore protezione di pedoni che sono a contatto quasi diretto col traffico.

Granito al posto dell’asfalto

La soluzione è quella di sostituire il bitume con un fondo in granito grigio che andrebbe peraltro a richiamare la nuova pavimentazione di piazza Repubblica. Non è possibile farlo rialzato, in versione marciapiede, perché le vetrine dei negozi sono a livello della strada. Sarebbe come uno scalino. Le lastre in pietra saranno quindi posate in linea con la carreggiata e gli ingressi appunto delle attività. Il percorso pedonale sarà protetto sempre con paletti e catenelle ma diversi dagli attuali. Un vantaggio della nuova viabilità pedonale è anche quello di spezzare l’«egemonia» scura dell’asfalto che non valorizza i negozi e le boutique del lato opposto ai portici della Galleria Manzoni.

Il costo del progetto

Nel documento redatto dal Distretto del commercio sono indicati anche la spesa e le scadenze del progetto: 60.000 euro con intervento che partirà a marzo per concludersi a maggio. Il partner del Distretto che si occuperà di questo cantiere è il Comune di Varese.

Arriva la fontanella

Nell’ottica di migliorare i percorsi pedonale che da piazza Repubblica portano nell’isola pedonale è contemplato anche l’arrivo di una fontanella dell’acqua. Oggi non c’è. La ragione di questo servizio è letta anche in chiave green: offrire cioè la possibilità di bere, rifornirsi di acqua, senza dover ricorrere all’acquisto di bottigliette di plastica.

Varese Duty Free

Un’altra iniziativa prevista dal Distretto è quella di rilanciare lo shopping da parte degli stranieri. Come? Attraverso una campagna, legata anche al turismo, che ponga l’accento sull’esenzione dell’Iva sugli acquisti, beneficio questo riservato appunto agli stranieri. Avendo la Svizzera a due passi e puntando sul ritorno della clientela elvetica – un tempo a Varese c’era il cosiddetto sabato dei ticinesi – l’immagine di città Duty Free può servire da traino. Così almeno si spera. L’iniziativa in questione verrà portata avanti dal Comune e da Ascom. È bene precisare che questa e il progetto dei nuovi percorsi pedonali sono solo due delle novità messe in campo dal Distretto del commercio.

I partner del Distretto

Il Distretto del commercio d Varese ha allargato quest’anno la partecipazione. Ecco i soggetti protagonisti: il Comune (capofila), la Camera di commercio, Uniscacom, Confesercenti, l’associazione Imprenditori Varese e Federmanager.