Varese, “Tra Ville e Giardini”, gara podistica con Chicchi madrina

Varesereport - 31/05/2016

La manifestazione podistica serale “Tra Ville e Giardini” organizzata dall’associazione sportiva Runner Varese con il patrocinio del Comune di Varese è giunta alla sua quarta edizione. Sin dalla prima edizione del 2013 a cui hanno partecipato circa 350 atleti, la manifestazione ha attratto sempre più partecipanti tant’è che nella ultima edizione 2015 si è sfiorato il numero di 1000 partecipanti tra agonisti Fidal e semplici appassionati del podismo. La manifestazione è stata lanciata questa mattina con la partecipazione dell’assessore a Sport e Rioni, Maria Ida Piazza.

Sicuramente il “passa parola” tra gli appassionati ha contribuito a garantire questi incrementi ed il motivo è presto detto. Il percorso è estremamente panoramico e configura la gara come una “city-country”, neologismo che descrive le caratteristiche e la varietà del percorso: partenza ed arrivo nei Giardini Estensi, passaggi nella zona pedonale della città e attraversamenti suggestivi dei parchi cittadini più belli.

Alcuni di questi giardini sono noti e sempre aperti al pubblico, come i giardini Estensi e villa Mylius. Altri come il giardino di villa Panza e quello delle ville Ponti sono altrettanto noti ma non disponibili al pubblico se non in questa speciale occasione.

Quest’anno la gara vuole far godere queste bellezze al maggior numero possibile di appassionati e famiglie ed avrà il seguente programma: minigiro per bambini alle ore 19.30 ai Giardini Estensi; 10 Km agonistica Fidal con partenza alle ore 20; 10 KM non agonistica sullo stesso tracciato della competitiva con partenza alle 20 05 e la possibilità di due varianti di 5 e 7 Km per chi non volesse affrontare il percorso più lungo.

Gli atleti che affronteranno la gara con spirito agonistico troveranno il percorso nervoso e tecnico, ma soprattutto divertente, gli altri apprezzeranno e scopriranno la bellezza dei luoghi che la nostra città è in grado di offrire.

Entrando nel dettaglio del percorso si parte dai Giardini Estensi, attraversando il centro storico, per poi salire ai giardini di Villa Panza e Villa Ponti, continuando verso il parco di Villa Mylius e la zona della Brunella. Anche i percorsi più brevi prevedono il ritorno al traguardo dei Giardini Estensi dopo l’attraversamento rispettivamente del parco di Villa Panza (5Km) e di quello di villa Ponti (7Km). La manifestazione è intitolata a due atleti scomparsi : Stefania Pastorio e Luigi Bottari.

Proseguendo sul percorso dei valori sociali da anni intrapreso dalla nostra associazione , quest’anno la manifestazione darà anche visibilità alle associazioni vicine alle persone meno fortunate come AIL ( Associazione Italiana contro la Leucemia) e promuoverà una raccolta di fondi per l’ acquisto di apparecchi defibrillatori da destinarsi alle palestre delle scuole della città di  Varese.

L’edizione 2016, inoltre, avrà una madrina di eccezione: Cristina Maracci, per tutti Chicchi, di Gavirate, affetta da SLA: il gruppo Runner Varese sostiene il progetto #iocorroconchicchi e, per l’occasione, il ricavato dalla vendita delle magliette sarà devoluto per la ricerca contro la SLA, come alla presentazione in Comune è stato ribadito da Stefano Crespi.

La manifestazione è resa possibile grazie alla disponibilità delle diverse aree funzionali del Comune di Varese per mezzo del Ufficio Sport, al Fai che ha concesso i passaggi nel parco di Villa Panza ed alla Camera di Commercio per il passaggio nel parco delle Ville Ponti.

Non possiamo dimenticare che la manifestazione deve il suo buon esito anche grazie alla collaborazione di associazioni ben radicate nella citta di Varese, come il Gruppo Alpini , la Famiglia Bosina , i Marciatori Varese nonché ai volontari coinvolti nella organizzazione e controllo del percorso senza i quali sarebbe difficile garantire il buon ordine e svolgimento della manifestazione.

Da ultimo vorremmo rivolgere un messaggio di tolleranza agli automobilisti che probabilmente dovranno sopportare qualche disagio nella circolazione a causa della manifestazione, riflettendo sul fatto che stanno regalando a centinaia di persone la possibilità di appropriarsi di quanto di più bello la nostra città può offrire.