Varese supera Como

Varese (n.ant.) Con Pasqua è partito il ponte del secolo. Ma la mega-vacanza può essere anche un banco di prova per capire se davvero Varese e il Varesotto sono una realtà con una crescita turistica consolidata. In tal senso, per esempio, la Camera di commercio di Milano ipotizza affari in crescita del 10% rispetto allo scorso anno. Si riuscirà a intercettare persone pure a latitudini prealpine? Si vedrà. Di certo i settori della vacanza organizzata stanno registrando una ripresa dopo anni bui. Le agenzie di viaggio valgono 750 milioni al mese in Italia, di cui 190 milioni in Lombardia. Grazie a questo volume di affari, le imprese legate al turismo e impegnate nell’accoglienza per gite e viaggi, hanno registrato un +6% in Lombardia in cinque anni. Si tratta di oltre 58mila imprese in Lombardia su 407mila in Italia (+8,2%), con 311mila addetti nella nostra regione rispetto ai 1,75 milioni a livello nazionale. In testa c’è, ovviamente, Milano con 21mila imprese, in crescita del 14% in cinque anni e 150mila addetti. Segue Brescia con 8mila e 40mila addetti, Bergamo con 6mila (+3,4% e 27mila addetti), Varese e Monza (circa 4mila imprese, con 19mila e 14mila addetti). Varese supera, almeno nel numero di aziende, Como e Pavia (circa3 mila con 16mila e 9mila addetti).