Varese pronta ad ospitare EcoRun, una festa tra sport ed ecologia

Varesenews - 13/01/2022

Sarà una festa dello sport e dell’ecologia. Se il tempo assisterà gli organizzatori di EcoRun, sabato 9 e domenica 10 aprile Varese potrebbe diventare una “piccola cittadella dello sport” dove corse, passeggiate, visite guidate, giochi per bambini e musica animeranno strade e piazze.


Il progetto è davvero ambizioso e anno dopo anno diventa sempre più grande: EcoRun è arrivata alla terza edizione e gli ideatori, Giuseppe Micalizzi, e Gianni Izzo, due professionisti con la passione per la corsa, non fanno mistero del fatto di voler portare a Varese un festival dello Sport come quello di Trento. Le premesse ci sono tutte. Moltissime le forze in campo per organizzare un weekend che ha al centro la corsa ma vive di molti eventi collaterali. L’obiettivo è quello di attrarre in città non solo runner di livello ma anche amatori della corsa, famiglie, giovani.

«Varese Sport Commission sostiene questa iniziativa che permette di valorizzare il territorio, portando atleti che alloggeranno nelle nostre strutture – ha spiegato a inizio conferenza stampa Antonio Franzi di Camera di Commercio – . Siamo certi che questo evento porterà un ritorno economico alla città». Madrina dell’evento sarà anche quest’anno Filippa Lagerback.

 

«Il focus principale di EcoRun Varese è, ovviamente, la corsa, che si declina in diversi itinerari: la 20 KM competitiva FIDAL, la 10 KM competitiva FIDAL, la 10 KM non competitiva e la 5 KM non competitiva; gare che raduneranno atleti provenienti da tutta Italia nella nostra splendida città – ha spiegato Giuseppe Micalizzi – . Ma insieme all’aspetto sportivo c’è quello ecologico: EcoRun Varese è un evento sostenibile, al cui interno si articolano due giornate ecologiche volte alla riscoperta del nostro territorio, con le strade cittadine chiuse al traffico per permettere a tutti di godere a pieno delle meraviglie che regala la Città di Varese. L’ambito sportivo ci sta molto a cuore, è per questo che, oltre alla corsa, promuoviamo lo sport e la cultura in tutte le sue forme: concerti, contest, seminari e conferenze».

Il programma è quasi del tutto definito: gli aggiornamenti si possono seguire sulla pagina facebook di EcoRun Varese e sul sito che sarà presto aggiornato.

EcoRun Varese, oltre ad essere un evento ecosostenibile, si impegna in ambito solidale sostenendo due charity: Gulliver, un centro di recupero per persone affette da dipendenze o fragilità psicologiche e l’Associazione Italiana contro leucemia, linfomi e mieloma di Varese.

«È importante il coinvolgimento dei giovani in questa iniziativa – continua Micalizzi – Organizzeremo passeggiate nei parchi e nelle ville di Varese, ma anche momenti musicali in tutte le piazze. Ci piacerebbe che le band locali si proponessero: faremo una sorta di sfida tra i gruppi e quello vincitore si esibirà in piazza Monte Grappa».

Il centro cittadino domenica 9 aprile sarà chiuso al traffico così che le famiglie possano godere in tranquillità e sicurezza della giornata di festa.

A fianco degli organizzatori di EcoRun c’è il Comune di Varese: «Sembra cosa difficile mettere insieme lo sport con l’inclusione, il sociale la cultura ma voi ci siete riusciti – ha detto l’assessore allo Sport del Comune di Varese Stefano Malerba -. Questa iniziativa fa davvero rete: mette insieme molti attori per valorizzare la città e rendere più accogliente il luogo in cui viviamo».

Non solo le passeggiate nei parchi e nelle ville serviranno a far conoscere Varese ma anche la corsa che nel suo percorso attraverserà i luoghi più belli e caratteristici del centro cittadino e quelli in via di riqualificazione come l’ex macello: «Il core business della Eco Run è la corsa – ha spiegato l’organizzatore Gianni Izzo- ma lo scopo della nostra iniziativa è davvero quello di valorizzare il territorio. Il percorso si snoda nel centro cittadino tra Giardini Estensi, il parco di Villa Recalcati e il parco di Villa Mylius, un percorso veloce che è stato molto apprezzato anche dai vincitori della scorsa edizione, Gabriele Bacchion e Antonela Sassi. Quest’anno la 20 chilometri passerà dal centro, da Masnago, passerà accanto al palazzetto dello Sport, ai campi di allenamento del rugby Varese poi a Bizzozero lambiremo il campus universitario. Durante il percorso si apriranno panorami davvero suggestivi. La gara si chiamerà “21,100”, che sono i chilometri della mezza maratona ma anche il codice postale della città di Varese».

I partecipanti della EcoRun l’anno scorso sono stati 700, ma quest’anno si punta molto più in alto. Anche perché lo scopo è anche quello di aiutare due realtà molto attive sul territorio: il Gulliver e l’associazione italiana contro la leucemia i linfomi e il mieloma. I fondi raccolti durante la manifestazione saranno investiti per supportare i reparti di ematologia di circolo di Varese e Busto Arsizio dove opera l’Ail, e dare un aiuto psicologico ai ragazzi ospiti del Gulliver, proprio attraverso lo sport. Che da sempre ha un ruolo “salvifico”.

Per informazioni, iscrizioni alla sfida tra band musicali e proporsi come volontari Email: info@ecorunvarese.it