Varese Polizia Locale – «Un orgoglio essere qui»

La Prealpina - 08/09/2022

Claudio Vegetti sarà il nuovo comandante della polizia locale di Varese: «Un orgoglio poter far parte di questa squadra. Presto un confronto con sindaco e assessore per fissare gli obiettivi». Un uomo di grande esperienza, che ha diretto i comandi di San Vittore Olona, di Bareggio, Samarate e di Magenta e oggi è alla guida di quello di Busto Arsizio.

Claudio Vegetti, classe 1965 si è classificato al primo posto in graduatoria alla selezione pubblica per la copertura del posto di dirigente capo area del corpo di polizia locale di Varese. Prenderà il posto di Matteo Ferrario, il cui incarico a termine è scaduto e per cui non è stato facile trovare un sostituto. Ci sono volute due procedure di selezione, qualche polemica sulle modalità concorsuali e mesi di attesa, ma alla fine Palazzo Estense ha trovato il suo nuovo dirigente del comando di via Sempione, che ha sorpassato di pochi punti la comandante di Lecco, Monica Porta, che pure ha partecipato alla selezione.

«Sono molto contento di poter mettere la mia esperienza al servizio della città di Varese – dice – e mi riempie di orgoglio poter dirigere la squadra di agenti del capoluogo: loro sono il vero motore del lavoro che metteremo in campo. Non vedo l’ora di mettermi al lavoro e sono sicuro sarà per me un’esperienza di crescita personale e professionale. Incontrerò presto il sindaco e l’assessore per conoscere qual è il piano degli obiettivi fissati e in cui mi devo inserire e dare sfogo alla preparazione maturata in tanti anni in ambito di comando».

Vegetti è entrato nella polizia locale nel 1988 con la qualifica di agente nel comune di Canegrate e poi dal 1994 ha iniziato a dirigere i comandi fino al 2010, quando ha assunto l’incarico di dirigente, comandante della polizia locale, dirigente della Protezione civile e dell’Ufficio Sicurezza Viabilistica del Comune di Busto Arsizio.

«Dodici anni in una città che per grandezza e numero di abitanti è simile a Varese. Non credo ci siano ambiti di operatività diversi o su cui le due città hanno bisogno di porre l’accento. Lavorerò con la mia squadra in ogni settore, dalla sicurezza ai funzionari, per coprire ogni ambito di operatività». La sua esperienza del resto è a 360 gradi e con collaborazioni con enti e altri corpi delle forze dell’ordine. Per quattro anni, per esempio, ha organizzato con la Questura di Milano e la Regione Lombardia un progetto Smart nell’ambito della prevenzione del fenomeno delle stragi del sabato sera, coordinando le polizie locali di circa30 comuni.

Il comandante Vegetti non entrerà immediatamente in servizio. Dovrà prima terminare alcuni lavori su Busto Arsizio e attendere che i due enti formalizzino il passaggio. Potrebbe essere questione di giorni come di settimane.