Unicredit “investe”nella Comerio Ercole

Unicredit S.p.A, sottoscrive un prestito obbligazionario emesso da Comerio Ercole. Il prestito obbligazionario di tipo unsecured ha un importo di 5 milioni di Euro, una durata di 7 anni e una cedola annuale variabile del 2,56%. Il capitale sarà rimborsato in 84 rate trimestrali.

L’emissione sottoscritta da UniCredit S.p.a. avrà la finalità di sostenere il gruppo industriale nel suo percorso di crescita e di sviluppo aziendale, nell’ambito di un programma “investimenti” che consenta il continuo miglioramento del proprio posizionamento di mercato e costante processo di innovazione tecnologica anche rispetto ai più recenti paradigmi di INDUSTRIA 4.0 per soddisfare le molteplici e sempre più complesse esigenze della clientela, in conformità al piano industriale aziendale 2017-2024.

«Qualità e tecnologia sono sempre stati il “mantra” della Comerio Ercole fin dalle sue origini – commenta il Ceo, Riccardo Comerio (nella foto) – e l’essere costantemente innovativi è divenuta la modalità abituale da noi adottata per soddisfare la clientela in qualità di fornitore non solo di macchine ma più propriamente di soluzioni industriali. Proprio per questo motivo abbiamo fatto una scelta innovativa anche dal punto di vista della tipologia di finanziamento utilizzando uno strumento come il “minibond”, usato nei principali mercati internazionali. Quest’operazione ha una duplice valenza: l’utilizzo di strumenti di nuova finanza d’impresa e di nuove soluzioni Industria 4.0 sulle quali da tempo puntiamo».

«Sono particolarmente soddisfatto – ha aggiunto Comerio – per la scelta di UniCredit di sottoscrivere il proprio primo minibond in Lombardia investendo proprio sulla nostra realtà industriale».

«Comerio Ercole rappresenta il tipico esempio di azienda familiare italiana che nel corso degli anni, investendo costantemente in ricerca ed innovazione tecnologica, ha saputo conquistare una posizione di leadership nel suo particolare segmento di mercato. Si tratta di un’eccellenza nel programma delle piccole e medie imprese italiane con piani di crescita credibili e sostenibili nel tempo», ha commentato Giovanni Ronca, Co-Head per l’Italia di UniCredit. «Con questa operazione – ha concluso Ronca – dimostriamo alle aziende del territorio che la Banca, oltre alle forme di finanziamento tradizionali, propone prodotti finanziari innovativi che consentono anche alle piccole e medie imprese l’accesso al mercato dei capitali».