Una squadra italo-svizzera per aiutare le Pmi di confine

Aiutare le Pmi di tre dei principali settori industriali del Varesotto a migliorare i processi di innovazione e digitalizzazione, attraverso servizi di accompagnamento e formazione. La meccatronica, la moda/tessile e le scienze della vita saranno i protagonisti del progetto italo-svizzero Interreg R.I.S.I.CO. (Rete integrata di servizi per l’innovazione e la competitività) che, in questi giorni, sta entrando nel vivo.

L’iniziativa andrà avanti fino al maggio 2021 e vede la partecipazione di alcuni dei principali attori economici e di ricerca della zona di confine, come Univa servizi e l’università Liuc-Carlo Cattaneo di Castellanza, oltre a Ecole, Unindustria servizi Como, Supsi, Aiti e Ated.

«L’evoluzione dei mercati internazionali – spiegano i promotori – richiede alle piccole e medie Imprese maggior capacità di innovazione, l’introduzione di nuove tecnologie digitali e un più stretto raccordo con i centri di produzione del sapere tecnico scientifico. Cambiamenti che per le pmi non sono facili da affrontare.

Le Pmi verranno aiutate a formulare piani di miglioramento, a introdurre i cambiamenti richiesti e ad acquisire le metodologie e competenze necessarie per attuarli. La diffusione dei servizi sperimentati in RISICO migliorerà la capacità di innovazione delle Pmi attraverso l’incremento di collaborazione con centri di trasferimento tecnologico e con altre imprese della filiera transfrontaliera, generando un aumento di capacità competitiva di sistema, che produrrà maggior presenza sui mercati internazionali e incremento del valore aggiunto prodotto». Infine, negli intendimenti di chi porterà avanti il progetto «il tessuto di Pmi del territorio transfrontaliero verrà integrato in reti capaci di generare innovazione continua».

Come ripetono spesso gli esperti, infatti, la competitività delle Pmi italiane e svizzere, di fronte alla crescente concorrenza dei Paesi emergenti, sarà legata alla capacità di attivare continue innovazioni di prodotti e processi produttivi. Sono cambiamenti che presuppongono una struttura organizzativa e un know how professionale in grado di rapportarsi alle reti di produzione e diffusione delle conoscenze tecnico-scientifiche necessarie a introdurre innovazioni con un effettivo impatto in termini competitivi.