Una serata per dire grazie ai soccorritori del 118

Varesenews - 05/12/2019

Ambulanza, automedica, elicottero. Sono i veicoli del soccorso, viaggiano in sirena per arrivare velocemente dove c’è bisogno.
In quei mezzi, però, ci sono persone pronte a scattare quando è richiesto il loro intervento. Non si preoccupano se c’è il sole o il buio, l’afa o la neve. Sono soccorritori e hanno deciso di esserlo.

Ma il modo in cui si mettono a disposizione ci chiede, ogni tanto, di fermarci a riflettere sulla loro importanza.

Sarà proprio questo il cuore della festa che si terrà giovedì 5 dicembre nella Sala Campiotti della Camera di Commercio d Varese.

Dalle 20.45 l’AAT 118 VARESE ed Alto Milanese, area di Legnano, il CUR e il NUE 112 Varese, diretto dal dottor Guido Garzena, invitano la popolazione a venire ad ascoltare le storie dei soccorritori, a conoscere i loro volti.

« Sarà una serata di festa dove vi saranno rappresentanti istituzionali come si conviene a un evento di questo tipo, ma soprattutto sarà un incontro tra amici, tra persone che credono da sempre in questa sorta di mission che ha portato il servizio Areu 118 a livelli di eccellenza con risultati che lo dimostrano» spiega il direttore e ideatore della serata Guido Garzena.

Il servizio del 118 è attivo sul territorio dal 1997 ed è al servizio di una popolazione composta da circa 1 milione di abitanti. Ha sempre avuto sede all’interno dell’ospedale di Circolo di Varese. Attualmente sono oltre 70.000 le uscite annue da parte delle ambulanze Areu, con personale composto da 7 medici strutturati e 16 infermieri specializzati.

Quattro le auto mediche (mezzo di soccorso avanzato di tipo 2) con equipaggio composto da 1 medico, 1 infermiere oltre all’autista soccorritore, 3 i mezzi di soccorso avanzato con infermiere e autista soccorritore (mezzo di soccorso avanzato di tipo 1) oltre a 5 mezzi di Elisoccorso. A questi vanno aggiunti personale medico e infermieristico con chiamata “a gettone” in base alle esigenze del momento e forniti dall’Asst Valle Olona grazie a degli opportuni accordi contrattuali.

Ma il sistema non reggerebbe se non ci fosse il coinvolgimento di altre sigle: 20 ambulanze sono convenzionate con CRI, Croce Bianca, Padana Assistenza ecc…

Nel corso della serata verranno spiegati i sistemi di soccorso, mostrati alcuni video che dimostrano cosa accade dal momento della ricezione della chiamata al centralino 112NUe sino alla partenza dei mezzi di soccorso.

Protagonisti saranno proprio gli operatori a partire dai 4 volontari più “anziani” che verranno messi al confronto in una sorta di tavola rotonda con altri 4 giovani volontari.

Storie, racconti di vita ed esperienze: tutte nel segno dell’impegno professionale o volontario così come sociale e altruistico che li accomuna, veri protagonisti dei numerosi compiti ai quali è chiamato il sevizio Areu 118.

All’esterno della Camera di Commercio si potranno ammirare mezzi di soccorso d’epoca, come un’ambulanza del 1940 antesignana dell’attuale servizio supportato sempre più dalla dilagante e utilissima tecnologia, riflessa in mezzi e apparecchiature di nuova generazione utili a rendere la tempestività del soccorso ancora più incisivo.

PROGRAMMA:
20.45- Saluti sindaco Davide Galimberti
21.00- Tavola rotonda con giovani e anziani volontari
21.25- “Dal 2008 a oggi”: dibattito con Claudio Mare (Areu Lombardia), Alberto Zoli (Direttore Generale Areu Lombardia), Gabriella Somaini (NUE 112), Dario Franchi (SOREU Laghi).
22.00-”Il ruolo della politica”: con Emanuele Monti (Presdente Commissione Sanità Regione Lombardia) che racconterà la sua esperienza da volontario Areu 118 per un giorno.
22.30-Conclusioni e consegna targhe di riconoscimento per l’attività svolta a 8 operatori sanitari.