Un nuovo contrattoda 300 milioni di euro per nove Aermacchi

La Prealpina - 23/03/2016

Un’altra buona notizia per le aziende con le ali della provincia di Varese. Finmeccanica ha firmato un contratto di oltre 300 milioni di euro per ulteriori nove velivoli da addestramento avanzato Aermacchi M-346 destinati all’Aeronautica Militare con la Direzione Armamenti Aeronautici e Aeronavigabilità del ministero della Difesa. Lo si legge in una nota. Con il nuovo ordine salgono a 18 gli Aermacchi M-346, la cui sigla identificativa di Forza Armata è ‘T-346A’, ordinati dall’Italia. Le consegne dei nuovi velivoli inizieranno a partire da quest’anno per essere completate entro il 2018.

Il contratto comprende anche il supporto logistico e un’ulteriore fase di sviluppo del sistema integrato di addestramento, di cui il velivolo è una delle componenti, che ingloba ausili didattici digitali, simulatori e infrastrutture presso la base dell’Aeronautica Militare di Lecce-Galatina. In questo modo sale a 68 il totale di Aermacchi M-346 ordinati fino ad oggi dalle varie forze armate nazionali. In particolare, oltre ai 18 ordinati dall’Italia, ne ha ordinati 30 Israele, 12 Singapore e 8 la Polonia. Secondo l’amministratore delegatoMauro Moretti, «l’Aermacchi M-346 è l’aereo da addestramento più avanzato oggi disponibile sul mercato ed è l’unico al mondo concepito per addestrare i piloti destinati ai velivoli da difesa ad alte prestazioni di ultima generazione. Ha vinto tutte le gare internazionali più importanti – ha concluso il manager – e lo abbiamo candidato a diventare la nuova piattaforma su cui si baserà il nuovo velivolo da addestramento dei Top Gun americani».

Il contratto è stato firmato da Grazia Nunnari, capo della nona Divisione contratti nazionali ed esteri della Direzione Armamenti Aeronautici e Aeronavigabilità del Ministero della Difesa, e da Filippo Bagnato, Capo della Divisione Velivoli di Finmeccanica, alla presenza del Generale Ispettore Capo Francesco Langella, Direttore di Armaereo e del Capo di Stato Maggiore dell’Aeronautica Militare, Generale di Squadra Aerea Pasquale Preziosa.

Le caratteristiche prestazionali del velivolo, il ridotto numero di ore necessarie alla sua manutenzione, un’avionica all’avanguardia e un sistema di simulazione di volo fanno dell’Aermacchi M-346 la migliore soluzione in termini di costo-efficacia, affidabilità e ottimizzazione del percorso addestrativo degli allievi piloti. Impiegato presso il 61° Stormo di Lecce, consente ai frequentatori di acquisire le capacità al volo indispensabili per poter operare i moderni velivoli di quarta e quinta generazione.

L’Aermacchi M-346 è equipaggiato con un sistema avionico digitale pienamente rappresentativo dei caccia di ultima generazione fra i quali: Eurofighter, Gripen, Rafale, F-16, F-18, F-15, F-22 e F-35.