Turismo in crescita Il 2018 anno record

ARONA -(ma.ro) Il 2018 è stato l’anno del boom turistico. Arona ha superato le 90.000 presenze. E il sindaco leghista, Alberto Gusmeroli, esulta: «L’incre – mento è eccezionale. Nel 2015 contavamo 60.599 presenze, ora sono 91.438, il 17,58% in più rispetto al 2017 quando erano 77.798. Il trend è in continua crescita dal 2014. Nel 2016 abbiamo registrato 65.959 soggiorni». Merito soprattutto delle aperture dei bed and breakfast e dei numerosi affittacamere che spesso registrano il tutto esaurito; anche perché l’offerta alberghiera non è migliorata e pochi hotel hanno effettuato interventi di migliorie consistenti. Arona resta però lontana come numeri di presenze dalle regine del lago Maggiore (Verbania, Baveno e Stresa) o dei vicini di casa di Dormelletto (trascinati dalle presenze dei campeggi). Il sindaco sciorina altri dati: «Rispetto al 2015 abbiamo il 28,38% in più di presenze. Nel 2018 abbiamo fatto incrementi record rispetto al 2017: più 49,58% a luglio, più 28,86% ad agosto, più 22,34% a settembre, più 26% a marzo. La città è rinata grazie alle numerose iniziative, alla bandiera blu ed ora alla bandiera arancione». E per potenziare l’offer – ta turistica il Comune vuole un’altra spiaggia balneabile. Dopo la bandiera blu alle Rocchette, per il quale il Comune attuerà un progetto migliorativo da 100.000 spesa ed il Lido, ora in stato di degrado per la mancata rimozione delle strutture balneari, la giunta Gusmeroli cerca una terza spiaggia da offrire ai turisti che, secondo gli ultimi dati, sono stati in crescita. È stata individuata in circa 200 metri di litorale a sud del torrente Vevera, in corso Europa, come spiega il vice sindaco Federico Monti: «Lungo il corso Europa sono presenti diverse spiagge naturali, frequentate da numerosi bagnanti, che necessitano di essere regolamentate ai sensi della normativa vigente anche al fine garantire la sicurezza delle stesse. Abbiamo ritenuto opportuno individuare una nuova spiaggia pubblica nel tratto di lago compreso tra la foce del torrente Vevera e lo scivolo pubblico di corso Europa per 185 metri di battigia. Sono già state avviate le procedure tecniche relative alla richiesta di individuazione di nuovo “punto di monitoraggio delle acque”con istanza presentata alla Regione Piemonte. L’Arpa ci ha trasmesso alcune considerazioni tecnico- ambientali relative all’inserimento di una nuova spiaggia da parte del Comune di Arona». La zona fino ad ora è stata sempre ritenuta inquinata e comunque pericolosa per le correnti. Se Arpa darà il via libera dopo i controlli, Arona si troverà ad avere tre spiagge balneabili (Rocchette, lido e Corso Europa) di cui due strette tra un tratto di costa non balneabile (foce del Vevera).