Turismo, decollo a doppia cifra

Il Giorno - 08/03/2018

È IMPETUOSA la crescita del turismo in provincia di Varese. Il Sacro Monte, l’eremo di Santa Caterina del Sasso, il lago Maggiore, sono solo alcune delle bellezze sempre più apprezzate. Lo confermano i dati elaborati dall’ufficio studi e statistica della Camera di Commercio, che testimoniano come nel corso del 2017, e nel confronto con l’anno precedente, gli arrivi (clienti ospitati nelle strutture ricettive) nella nostra provincia hanno fatto segnare un +8,9%, arrivando a un milione e 420mila. Le presenze (numero di notti sul territorio) sono poi cresciute del 6,5%, attestandosi a 2 milioni e 372mila. L’ANALISI relativa ai singoli trimestri, pur evidenziando una crescita costante lungo tutti gli scorsi dodici mesi, mostra come i picchi si siano registrati tra aprile e giugno: la primavera varesina si conferma stagione di grande interesse per i numeri in valore assoluto, sempre più simili a quelli del periodo più caldo dell’anno. Nel 2017, se la crescita degli arrivi italiani è del 5%, si conferma l’incremento a due cifre di quelli stranieri, aumentati dell’11,6%. Sul versante delle presenze, invece, c’è una sostanziale equivalenza dei tassi di aumento, che si collocano intorno al 7%. Nella top five degli arrivi stranieri, al vertice ci sono gli Stati Uniti (90.700), seguiti dalla Germania (86.000), dalla Cina (65.600), dalla Svizzera (49.800) e dalla Francia (48.200). QUESTI DATI, sono stati annunciati dal presidente della Camera di Commercio, Fabio Lunghi, ieri, in occasione di un workshop alle Ville Ponti. «La rivoluzione in corso sul mercato turistico e i nuovi paradigmi della domanda – ha detto il numero uno dell’ente camerale – impongono una crescita delle nostre imprese per competere con i riferimenti internazionali, rispetto anche al tema dell’innovazione tecnologica».