Troppi fan per gli Youtubers e la sicurezza porta via i Mates

Varesenews - 16/05/2017

Tutti pazzi per i Mates a Expo Elettronica. Sono stati centinaia i giovanissimi fan che hanno voluto essere presenti alla fiera dell’elettronica ospitata sabato e somenica scorsi all’interno dei padiglioni di Malpensafiere.
I Mates sono 4 ragazzi che hanno costruito la loro fama con i video su YouTube dove hanno un canale con 360 mila followers. Si chiamano Anima, St3pny, Vegas e Surrealpower e sono famosi come delle rock star.

Talmente famosi da costringere centinaia di genitori a portare i loro figli ad Expo Elettronica e a pagare anche 5 euro in più per accedere al padiglione uno dove i 4 ragazzi incontravano i fans.
Una delle tante mamme costrette dai propri figli ad andare a Malpensafiere ci ha scritto lamentando la disorganizzazione che avrebbe creato non pochi problemi di sicurezza attorno alla zona dedicata ai fans dei Mates. Ecco cosa ci ha scritto:
Buongiorno
Vorrei segnalare un disagio vissuto ad Expo Elettronica, organizzazione Blu Nautilus.
Alla fiera dedicata al materiale elettronica hanno abbinato l’evento Youtubers con i Mates con l’obiettivo di attirare ragazzini dall’età media di 12 anni. I genitori, naturalmente, sono costretti a pagare l’entrata in fiera (14 euro + 12 per il figlio che fanno 26 euro).
Sabato nel padiglione 1, allestito a caso, mezz’ora dopo l’apertura non c’erano ancora le transenne e quando l’hanno posizionata era una sola davanti al palco, nessuna coda organizzata per le firme. Tenete conto che per entrarci abbiamo dovuto pagare altri 5 euro che l’organizzazione ha inserito nel sito ma solo nella pagina delle “informazioni al pubblico”.
Il risultato è che i ragazzi hanno rischiato di rimanere schiacciati anche da genitori sfegatati e sabato mattina c’era solo mezz’ora per le firme, dato che la sicurezza (arrivata in quel momento, più o meno) ha portato via i Mates, per contenere il pericolo. I ragazzini di sette otto anni sono stati fatti entrare oltre le transenne dalla sicurezza, dato il pericolo sono stati chiamati i genitori. Questo è quello a cui ho assistito, cercando di portar via figlia e amica.