Tricolore azzurro ed elettrico

È una delle macchine organizzative più rodate ed efficaci del nostro sport, e ogni volta che si mette in moto regala qualche novità che la rendono una eccellenza anche a livello internazionale. Parliamo della Canottieri Varese e del gruppo di lavoro – che comprende anche le principali istituzioni – che nel corso degli anni ha portato alla Schiranna una lunga serie di manifestazioni di primissimo piano nel panorama remiero.

Un impegno che nel 2020 ridarà a Varese una tappa di Coppa del Mondo (già qui nel 2015 e nel 2016) e che per quest’anno garantirà la disputa dei Campionati Italiani assoluti di sabato 8 e domenica 9 giugno, aperti a quattro diverse categorie di atleti: senior, pesi leggeri, junior e pararowing (canottaggio disabili), per un totale di 50 titoli nazionali assegnati. Una vera e propria scorpacciata di sport (parliamo di 99 società e oltre mille iscritti) sul bacino varesino, che anche questa volta porterà in provincia un notevole afflusso turistico legato alle gare. Un’ondata che non si esaurirà al termine dei campionati, perché – è notizia di oggi – gli atleti della Nazionale resteranno in ritiro a Varese per preparare la prova di Coppa del Mondo a Poznan, in Polonia. Indicazioni che sono fonte di soddisfazione anche per la Camera di Commercio, direttamente “implicata” negli eventi attraverso la Sport Commission: nel 2018 proprio le gare di canottaggio hanno portato il maggior numero di persone in provincia in concomitanza con eventi sportivi.

PUBBLICITÀ

La Schiranna si conferma quindi centro di primissimo piano per lo sport del remo: lo dicono con orgoglio i padroni di casa della Canottieri Varese, sottolineando che gli standard adottati per le regate – anche quelle nazionali – sono gli stessi delle gare di livello mondiale, lo ripetono i vertici federali (presenti oggi, mercoledì 5, sia il vicepresidente federale Magistri, sia quello lombardo Quaglino) che indicano nella vivacità e nelle qualità del campo di regata nostrano uno dei motivi della crescita di tutta la disciplina sportiva. «Qui i pontili di partenza sono particolarmente ampli e permettono l’accesso senza ostacoli per atleti disabili, c’è il semaforo per dare il via alle regate. E con la nuova palestra abbiamo a disposizione un’altra struttura fondamentale per ospitare prove di ogni livello» racconta Pierpaolo Frattini, ex azzurro anche alle Olimpiadi e oggi direttore generale del club gialloazzurro che ha in mano l’organizzazione degli Assoluti. «L’augurio è che venga apprezzato lo sforzo messo in campo da tutti i volontari per far sì che Varese entri nel cuore di tutti i partecipanti alle gare» ricorda il vicepresidente Claudio Minazzi. Volontari (con soci e maestranze interne alla Canottieri) che sono una risorsa fondamentale: l’organizzazione di un evento simile costa tra i 50 e i 60mila euro, cifra che sarebbe ben più alta se non agissero queste figure così importanti.

Presentazione campionati italiani assoluti canottaggio Varese 2019
Brindisi ai Campionati Italiani
E a conferma della costante ricerca di nuove strade, c’è stata proprio la conferenza stampa odierna che si è svolta a bordo dell’imbarcazione totalmente elettrica messa in acqua da Repower, società che è – con il title sponsor Coop – una delle principali sostenitrici della rassegna sportiva del prossimo fine settimana. «Siamo felici della collaborazione con il Varesotto – ha detto Davide Damiani, rappresentante dell’azienda con sede nel Canton Grigioni – perché al di là della normale attività legata al business troviamo grande attenzione alla valorizzazione del territorio e dell’ambiente». La barca RepowerE, sarà utilizzata nel corso delle regate per trasportare i volontari da terra ai “barchini” di partenza e ha riscosso, con il suo filare completamente silenzioso sulle acque del lago, un grande successo tra i partecipanti alla presentazione odierna.

Tra essi anche Davide Galimberti, che in qualità di sindaco di Varese è anche presidente del Comitato che si occupa dell’organizzazione dei grandi eventi remieri cittadini. «Non nascondiamo che la possibilità di una mobilità sostenibile anche sul lago è un punto che interessa all’organizzazione» ha spiegato il primo cittadino, anche se nell’immediato non ci sono progetti in rampa di lancio in questo senso. «Però la rotta tra Varese e l’Isolino Virginia, anche considerando il nostro impegno per la sua valorizzazione, potrebbe essere la prima idea da sviluppare».

Presentazione campionati italiani assoluti canottaggio Varese 2019
La sede della Canottieri vista dal lago
LE GARE E GLI ATLETI
Il calendario dei tricolori di canottaggio si compone di due giornate di gara, il sabato e la domenica, ma tra giovedì e venerdì non mancheranno gli equipaggi sul campo di gara per provare il bacino della Schiranna. Sabato mattina ci saranno le qualificazioni, al pomeriggio invece i recuperi. Domenica si comincerà molto presto (pare alle 7.30) con le semifinali, quindi le finali per le medaglie tra le 9,30 e le 15.
Tra i presenti, come accennato, anche quasi tutti gli atleti della Nazionale; farà eccezione Sara Bertolasi che è tesserata per la SC Milano e non ha compagne di imbarcazione all’interno del proprio club. Ci saranno invece Federica Cesarini e Giulia Mignemi, reduci dai recenti europei (la gaviratese ha vinto l’oro nel singolo leggero) così come Andrea Micheletti con le Fiamme Oro, l’accoppiata Broggini-Calabrese o il talentuoso Carucci con il body di Gavirate, solo per citare i più attesi atleti locali. Va anche ricordato che, trattandosi di prove per gruppi sportivi, gli atleti che in Nazionale vogano insieme, dovranno “redistribuirsi” sulle barche delle proprie società di appartenenza, dando spesso così vita a duelli “fratricidi”. Insomma, anche lo spettacolo sportivo è assicurato.