Trail al Campo dei FioriLa montagna si fa bella

Volontari al lavoro sui 65 chilometri di tracciato

Dietro alla gara massacrante (nella declinazione più estrema si parla di 65 chilometri, con dislivello positivo da più di 4mila metri), dietro alle centinaia di partecipanti previsti, dietro all’adrenalina che un’esperienza del genere può regalare, c’è tutto un lavoro certosino compiuto dai volontari, per far sì che il 22 settembre prossimo, giorno della competizione, tutto sia perfetto. Proseguono a pieno ritmo, dunque, i preparativi della terza edizione della Campo dei Fiori Trail, che di anno in anno si conferma un appuntamento da non perdere per gli appassionati della corsa su e giù per le montagne.

I volontari dell’associazione 100×100 Anima Trail si sono messi all’opera a metà del mese scorso e da allora hanno dedicato ogni fine settimana alla pulizia dei sentieri su cui si snoderà la competizione: una ventina di persone in tutto, di età compresa fra i 15 e i 50 anni, armate di decespugliatori e rastrelli, ha percorso metro dopo metro buona parte del tracciato che, in tutto, è lungo 65 chilometri. «Abbiamo già pulito il Sentiero 10, il Sentiero 1 e il Sentiero 3 – spiegano dall’associazione -, poi le zone di Mondonico, del Poncione di Ganna, della Martica e del Montallegro. Nelle prossime settimane provvederemo anche alla pulizia del percorso nelle zone di Ganna e dell’Alpe Tedesco». Lavori imponenti, insomma, anche perché la manifestazione sta crescendo sempre più: dopo i seicento partecipanti provenienti da 13 nazioni registrati all’edizione del 2016, l’anno scorso si è arrivati a toccare quota mille, e quest’anno si punta a replicare.

La gara prevede diverse lunghezze: dalla minitrail di 2 chilometri rivolta a bambini e ragazzi, fino ai 65 chilometri della massacrante Eolo Trail, passando per le distanze “intermedie” fissate a 11 (Morselli Trail), 25 (Groupama Trail) e 45 chilometri (Vibram Trail). Per quanto riguarda la gara più lunga, il percorso è impressionante: partenza dal lido di Gavirate, poi Monte San Francesco, gradoni della funicolare, Sacro Monte, Rasa, Pian Valdes, Chiusarella e Martica, quindi Poncione, Lago di Ghirla, Mondonico, Pizzelle, Tre Croci, Punta di Mezzo e arrivo di nuovo a Gavirate.

Dietro a tutto questo c’è una macchina organizzativa massiccia e, come si è visto con la pulizia dei sentieri, c’è molto da fare: per questo motivo i promotori lanciano un appello affinché chiunque voglia collaborare in vario modo, anche il giorno stesso della gara, si faccia avanti. Per informazioni e adesioni è possibile andare sulla pagina facebook “Campo dei Fiori Trail” oppure sul sito omonimo.