Tosi escluso e ripescatoIn corsa Gorrasi e Crespi

La Prealpina - 28/04/2016

Nelle frenetiche giornate della compilazione delle liste elettorali, è scoppiato un caso nel fortino della Lega Nord. Riguarda l’ex sindaco Gianfranco Tosi (che guidò la città per due mandati, dal 1993 al 2002), che nelle recenti riunioni del direttivo era stato tagliato fuori dall’elenco dei ventiquattro votabili sotto l’insegna del Carroccio ma che adesso è stato ripescato. Un’esclusione clamorosa, la sua, che era stata giustificata con il reinserimento nel gruppo (chiesto dallo stesso candidato sindaco Emanuele Antonelli) dell’attuale consigliere comunale Livio Pinciroli, pure lui inizialmente decapitato perché appartenente alla componente minoritaria della sezione. Così, riattivato Pinciroli, era stato messo da parte Tosi, che quando l’ha saputo ha puntato i piedi riottenendo spazio nella squadra. Uno scossone che ha anche costretto a rinviare di qualche ora l’ufficializzazione delle scelte, visto che i cambiamenti fatti in corsa hanno variato a catena alcune pedine.

In ogni caso non solo i padani sono alle prese con gli ultimi dettagli. Fra i partiti maggiori sinora nessuno ha ancora protocollato la documentazione. Anche se filtrano varie indiscrezioni, riguardanti la presenza di nomi noti e talvolta inattesi.

In Forza Italia, ad esempio, si sta procedendo a un parziale rinnovamento del gruppo dei papabili. Non mancheranno i giovanissimi, compresa una studentessa diciottenne, ma ci saranno anche personaggi che potenzialmente possono lasciare il segno. Come nel caso di Carmine Gorrasi, notissimo in città per i suoi vari ruoli pubblici. Ad esempio è il direttore generale del miracolo Busto ‘81 calcio, da poco neo-promosso in Eccellenza, ma fa anche l’avvocato e nel caso non disdegna le battaglie su altri fronti, come quella recente contro l’antenna per la telefonia spuntata in via del Chisso.

Tanti volti conosciuti compariranno anche nella squadra che si distinguerà con il nome dello stesso Antonelli, che ancora sta cercando di far quadrare l’equilibrio della quota rosa (per abbondanza di opzioni) e che comprenderà pure il pacchetto di rappresentanti di Ncd, nonché della Lega Civica-Risvegliamo Busto. Quest’ultima, stando alle indiscrezioni, ha ottenuto sei posti. I nomi già sicuri sono quelli del commerciante Maurizio De Vita, della tirocinante in neuropsichiatria infantile Chantal Borinato (che con i suoi 24 anni è la più giovane del gruppo) e della farmacista Catia Faccini. In lavorazione pure la civica Busto Grande che, come detto, dovrebbe rinunciare alle figure di Antonello Corrado e Checco Lattuada per lasciare spazio ad altri protagonisti. Fra di loro ci sarà senz’altroUmberto Crespi, da sempre nel circuito di Comunità Giovanile ma più noto per il suo lavoro nella direzione dell’Accademia di danze irlandesi Gens d’Ys e quindi del festival Bustofolk che è ormai una tradizione.

Fra oggi e domani dovrebbero poi chiudere il cerchio anche la lista Busto al Centro di Gianluca Castiglioni (nella quale Gianfranco Bottini non si candiderà) e pure il Partito Democratico.