Suspiria, produzione in Camera di Commercio

La Prealpina - 29/09/2016

Arrivi in piazza Monte Grappa, davanti all’ingresso della Camera di Commercio e capisci subito che sta succedendo qualcosa di diverso dalla routine. Giovani in abbigliamento casual entrano ed escono. Conversazioni in inglese. Un’atmosfera da primo giorno di scuola. Subito a destra dell’ingresso un cartello davanti a una porta a vetri: “Frenesy Film Company”. Ecco il cuore varesino della produzione del remake di “Suspiria” di Dario Argento che sarà realizzato dal regista Luca Guadagnino, con primo ciak fissato per il prossimo 25 ottobre.

Per la produzione internazionale del film la Camera di Commercio ha messo a disposizione un’ala del palazzo al piano rialzato. Sostanzialmente un lungo corridoio sul quale si aprono le porte di una ventina di uffici. Compreso quello del “direttore d’orchestra” Guadagnino, che però a Varese ieri non c’era e non ci sarà nemmeno oggi. Ieri sera, si scopre parlando con gli addetti alla produzione, è volato a Parigi dove si lavora alla realizzazione dei costumi che saranno utilizzati nel remake.

Attualmente la troupe già al lavoro a Varese è costituita da una sessantina di persone, che si dividono tra gli uffici di piazza Monte Grappa e il Grand Hotel del Campo dei Fiori, che diventerà, com’è noto, la sede inquietante della scuola di danza al centro del racconto. «Al momento sono già a Varese molti addetti alla produzione e alle scenografie e il gruppo della regia – spiega un ispettore di produzione -, ma con l’avvicinarsi dell’inizio delle riprese il numero aumenterà di molto: alla fine dovremmo essere più di 150».

La macchina del remake di “Suspiria” lavora insomma già a pieno ritmo e Varese, al momento per quanto riguarda la logistica, sta facendo la sua parte.