Sulle piste di decollo i nuovi voli estivi puntano verso Est

La Prealpina - 04/01/2019

Ancora nuove rotte per il 2019 a Malpensa: lo scalo che ha appena celebrato il record di passeggeri non conosce soste allo sviluppo di nuovi collegamenti. Si guarda soprattutto verso est. Molte le novità che sono state svelate in questi giorni da parte delle compagnie aeree.

Numerose quelle che si appresta ad ufficializzare il vettore di “casa” Neos Air (ha sede a Case Nuove) per l’estate 2019. Tra il 21 maggio e il primo ottobre una nuova rotta da Malpensa a Dahab (El Dabaa) in Egitto, centro turistico del Sinai a 100 chilometri da Sharm el Sheikh. Tra giugno e settembre invece ben quattro voli settimanali tra le isole greche e Cipro: Chania (La Canea), sull’isola di Creta; Larnaca, sull’isola di Cipro; le isole di Samo, nell’Egeo, e di Corfù, nel mar Ionio. Passando ai voli di linea, dal 2 luglio ci sarà l’incremento a giornaliero del volo Malpensa-Singapore di Singapore Airlines. Attualmente la compagnia del Sud-est asiatico opera sei frequenze settimanali dalla brughiera, mentre dalla prossima estate si aggiungerà quella che oggi manca, ripristinando in pianta stabile il servizio anche il martedì. E se Air China ha introdotto dal primo gennaio il nuovo “gigante dei cieli” Airbus A350 anche sulla Malpensa-Shanghai, la notizia più attesa riguarda la possibile apertura di una nuova rotta Malpensa-Guangzhou da parte di China Southern Airlines. La richiesta è stata inoltrata all’autorità del trasporto aereo cinese il 2 gennaio: in caso di autorizzazione, il servizio, inizialmente operato con tre frequenze settimanali, partirebbe dal mese di luglio 2019. Sarebbe il primo tassello dell’operazione che Sea sta portando avanti da mesi per aprire nuovi collegamenti a lungo raggio con il Paese del Dragone. Il presidente uscente della società che gestisce l’aeroporto di Malpensa, Pietro Modiano, all’indomani del roadshow in Cina organizzato in collaborazione con il Comune di Milano la scorsa estate, aveva ipotizzato una cinquantina di frequenze intercettabili sul mercato cinese da parte dell’aeroporto di Malpensa, in aggiunta alle 49 attualmente offerte sull’asse tra la brughiera e la Cina. Allo stato attuale, a frapporsi tra le prospettive di sviluppo di Malpensa e l’ambito traffico cinese ci sono soprattutto le restrizioni imposte dagli accordi bilaterali del trasporto aereo. Non resta che sperare che le autorità cinesi diano il via libera a China Southern: per Malpensa si tratterebbe di una nuova compagnia e di una destinazione in più sul mappamondo. Guangzhou, la nostra Canton, è una di quelle metropoli cinesi a cui Sea guarda con attenzione per ampliare un raggio d’azione che oggi è limitato a Pechino, Shanghai e Nanjing.