Star bene è un’impresa Varese ai vertici italiani

La Prealpina - 01/09/2017

Liberare la mente, far sentire le persone più in salute e in pace con se stesse e, perché no, in molti casi, far perdere qualche chilo di troppo. Questa, ma non solo, la mission di un settore, quello assai eclettico dedicato al benessere, che è sì un business, ma per certi versi anche un’opera buona. In Lombardia sono oltre 11 mila le attività censite nel 2017, in crescita del 3,3% in un anno. Pesano quasi un sesto di tutte le imprese attive in Italia nel comparto (68 mila) grazie anche alla presenza tra le prime 10 province italiane di tre lombarde: Milano, incontrastata regina del fitness italiano, con 3.693 imprese, il 5,4% nazionale, al secondo posto per attività dopo Roma (7,8%); Brescia sesta con 1.485 imprese; e Bergamo settima con 1.304.

Non male, a leggere lo studio della Camera di Commercio del capoluogo lombardo su dati registro imprese al primo trimestre 2017 e 2016, anche la performance della provincia di Varese, che è quarta in Lombardia e nella “top 15” a livello nazionale, grazie alle sue oltre mille attività, il 3% in più rispetto all’anno precedente. Una crescita regolare e che non pare conoscere battute d’arresto, in cui si registra il boom degli istituti di bellezza: oltre 570 nel Varesotto. La Lombardia pesa principalmente nel settore delle palestre, concentrando il 21% delle attività italiane, nei centri benessere (30%) e nei servizi di manicure e pedicure (22,7%) e di bellezza (18%). Forte anche la presenza di imprese lombarde nel settore del commercio di prodotti macrobiotici e dietetici (183 sedi di impresa su 1.054 in Italia, il 17,4% del totale): anche in questo caso una costante degli ultimi anni. Risulta in aumento la presenza delle imprese straniere. Sono 1.226 in Lombardia, 5.316 in Italia.