Special Olympics – La fiaccola diventa tricolore

La Prealpina - 30/01/2020

Varese si conferma terra di sport senza barriere con un evento che ritorna dopo il successo del 2018 ma con una portata ancora più grande, da regionale a nazionale: ieri mattina si è svolta una riunione in Prefettura (nella foto), con il prefetto Enrico Ricci, per la presentazione dei ventiseiesimi Giochi nazionali estivi Special Olympics, previsti in provincia dal 13 al 18 giugno. L’appuntamento è uno dei più importanti per le sfide in diverse discipline oltre la disabilità. Gli organizzatori, guidati dal vicepresidente nazionale Special Olympics Alessandro Palazzotti e dal direttore per la regione Lombardia Giulio Velati, hanno illustrato l’iniziativa che vedrà coinvolti oltre tremila atleti impegnati in varie discipline sportive: atletica leggera, ginnastica ritmica, pallavolo, equitazione, rugby e numerose altre. I ragazzi potranno cimentarsi con impegno e vivere momenti di partecipazione e solidarietà. I giochi saranno preceduti da una “torch run”, da una staffetta con la quale i tedofori porteranno la “fiaccola della speranza” nei Comuni interessati dal passaggio: Varese, Busto Arsizio, Gallarate, Saronno, Tradate, Somma Lombardo, Sumirago, Arsago Seprio, Angera, Sesto Calende, Vergiate, Travedona Monate, Gavirate, Malnate e Castiglione Olona. All’incontro, durante il quale sono stati anche trattati i profili di sicurezza dell’evento, oltre agli organizzatori, erano presenti i vertici provinciali delle forze dell’ordine, dei vigili del fuoco, i rappresentanti della Provincia, dei Comuni che ospiteranno il passaggio della fiaccola, nonché i rappresentanti dell’aeroporto di Malpensa e della Fondazione Museo dell’Aeronautica Volandia. Due anni fa si svolsero i Giochi regionali estivi e la cerimonia di apertura al Palazzetto dello sport fu un momento molto emozionante, grazie allo spettacolo dello Studio Festi e alla presenza di migliaia di persone. Ora l’evento sarà ancora più grande, sempre con Varese come campo di gara.