Sparisce agenzia di viaggi a Somma e Gallarate. Decine di vacanzieri a terra

SOMMA LOMBARDO – Agenzia chiusa notte tempo, vacanzieri gabbati poche ore prima di partire per le sospirate vacanze. E da qualche ora è iniziata la pioggia di denunce: «Nella caserma dei carabinieri di Somma c’era la fila davanti a noi», racconta la mamma di uno dei clienti dell’agenzia viaggia Mondo Vacanze con sede dentro al centro commerciale Il Gigante di Somma. Al momento sono 12 le querele presentate da altrettanti viaggiatori, e ci sarebbe anche chi ci ha rimesso il viaggio di nozze. Gli inquirenti procedono con l’accusa di appropriazione indebita. Ma la situazione potrebbe anche peggiorare: la sede legale di Mondo Vacanze è a Lentate sul Seveso (oltre che a Somma e a Lentate l’agenzia era presente anche a Gallarate e Lecco, tutti gli uffici sarebbero chiusi e nessuno risponde al telefono). Gli atti, quindi, saranno presumibilmente trasferiti alla procura di Monza, competente territorialmente. E le indagini potrebbero sfociare anche in un’accusa per bancarotta fraudolenta.

somma mondo vacanze

Rivolgetevi al fondo di garanzia

La vicenda ha dell’incredibile anche se, purtroppo, non è la prima volta che accade una cosa del genere. Venerdì i clienti della Mondo Vacanze di Somma hanno trovato l’agenzia chiusa con un foglio affisso sulla porta: «A causa di mancanza di disponibilità finanziaria ci vediamo costretti ad avvalerci del fondo di garanzia per i clienti che hanno prenotato presso le nostre agenzie». Sotto il profilo legale non farebbe una grinza, se non fosse che c’è chi avrebbe dovuto partire a giorni e chi ha già prenotato per viaggi fissati nel 2020 con caparra già versata. «Sono spariti dall’oggi al domani – racconta la mamma di una dei clienti gabbati – Mia figlia è riuscita a partire oggi (lunedì 26 agosto) soltanto grazie alla disponibilità del tour operator Sette Mari i cui impiegati ci hanno chiamato sabato disperati, spiegandoci che i referenti della Mondo Viaggi erano spariti e che loro stavano lavorando giorno e notte per cercare di salvare il salvabile». La giovane cliente e il compagno sono riusciti ad andare in vacanza a Djerba. «Pagando, però, altri 500 euro ciascuno – racconta la madre della ragazza – Mia figlia ha 21 anni, ha lavorato tutto l’anno risparmiando e facendo gli straordinari, adesso era arrivato il momento del suo primo viaggio all’estero. Non ce la siamo sentiti di rinunciare. Ma ovviamente, come tutti gli altri, abbiamo fatto denuncia».

Biglietti pronti venerdì, ma erano tutti spariti

Un fulmine a ciel sereno. «Mia figlia ha versato l’acconto a fine giugno, poi il 27 luglio ha saldato il costo completo del viaggio», spiega la madre della ragazza. Un viaggio da 1.547 euro, che alla fine ne è costati mille in più. «Giovedì 22 agosto mia figlia ha mandato un messaggio a una delle impiegate della Mondo Viaggi di Somma per chiedere quando sarebbero arrivati i biglietti – racconta la madre della ventunenne – L’impiegata, gentilissima, le ha risposto che i biglietti sarebbero stati pronti tra venerdì (23 agosto) e sabato (24 agosto). Al momento del ritiro ci avrebbero consegnato la ricevuta dell’avvenuto pagamento del saldo. Venerdì 23 agosto, e questa è la cosa incredibile, l’agenzia era chiusa con quel cartello affissoTutti i telefoni muti, nessuna risposta ai fissi. Per noi come per tutti gli altri». C’è chi ha pagato migliaia di euro per un viaggio che probabilmente non farà mai: «Ci dicevano che qualcuno potrebbe rimetterci anche il viaggio di nozze. Io capisco che si possa essere in difficoltà economiche ma quando è così si avvisano i clienti e si smette di prendere prenotazioni e di incassare caparre e saldi. Perché non credo che le difficoltà siano sopraggiunte tra giovedì, quando ci è stato detto che andava tutto bene, e venerdì quando sono tutti spariti». Le denunce, a questo punto, potrebbero iniziare a fioccare anche a Lentate e Lecco.