Sosta selvaggia e degrado «Basta. O blocchiamo la via»

La Provincia Varese - 11/07/2017

Sosta selvaggia e schiamazzi notturni da parte degli utenti del festival latino-americano, Sant’Anna dice basta: «Vogliamo controlli. Altrimenti bloccheremo l’accesso delle macchine alla rotonda di via 11 Settembre». Monta la rabbia nel Villaggio, soprattutto nella zona più vicina a Malpensafiere come piazzale D’Annunzio, per i problemi di convivenza notturna con gli utenti più maleducati del festival latinoamericano in corso da tre settimane nel polo fieristico. Viene confermato ancora una volta che non è più il rumore a preoccupare, quanto i comportamenti incontrollati di chi, per risparmiare i due euro e 50 del parcheggio di Malpensafiere, lascia l’auto in sosta sotto le case e disturba fino a notte fonda quando rientra dal Latinfiexpo. «Come loro hanno diritto a divertirsi, noi abbiamo il diritto a riposare e a stare tranquilli – chiarisce il portavoce del comitato spontaneo di quartiere Franco Cascio – Ora diciamo basta, prima che si arrivi al peggio». L’esasperazione è ormai giunta al limite: «Contro la maleducazione non si può fare niente ma chiediamo un presidio fisso per tutelare la nostra sicurezza» alza la voce una signora che racconta di essersi «presa della “troia”» la notte precedente per aver osato chiedere silenzio in piena notte dalla finestra di casa sua. Gli episodi elencati dagli abitanti del Villaggio sono molteplici, e preoccupanti: dagli schiamazzi ai danni alle auto causati da posteggi non proprio “urbani”, dai gruppi di gente ubriaca che lasciano vomito e urina sotto le case a una mezza rissa capitata tra domenica e lunedì con un utente del festival mandato via da un giovane del quartiere con una testata, fino ai colpi di pistola in aria che sarebbero stati uditi una delle scorse notti. «Parcheggiano qui per evitare i posti di blocco della Polizia – fanno notare i residenti – ma qui non passa una pattuglia tutta notte». Del tema si è occupato anche il Pd che ha depositato un’interrogazione a prima firma Valentina Verga da discutere entro fine mese in commissione, citando «gli enormi disagi» e chiedendo «come l’amministrazione intenda risolvere il problema dei parcheggi “selvaggi” nelle ore serali all’interno dell’abitato di Sant’Anna».

Ferrario e Rogora non perdono tempo «Pronti a schierare le forze dell’ordine»

Il comitato di quartiere ottiene subito rassicurazioni dagli assessori Ferrario e Rogora: «Chiederemo che una pattuglia della polizia, o guardie giurate, possano presidiare il quartiere negli orari più critici. Sant’Anna deve continuare ad essere un’oasi felice». Appena saputo del Villaggio “in subbuglio” per la convivenza notturna con gli utenti più maleducati del festival, gli assessori Stefano Ferrario (commercio) e Max Rogora (sicurezza) si sono subito fiondati in piazza D’Annunzio per un faccia a faccia con i residenti arrabbiati. «Abbiamo recepito le loro preoccupazioni – spiega il vicesindaco Ferrario – le nostre proposte sono due opzioni da sperimentare fin da subito. Una è quella di chiedere che una delle pattuglie della polizia stradale che fanno servizio notturno attorno a Malpensafiere venga dislocata nella parte più critica di Sant’Anna per presidiare la zona dopo una cert’ora. L’altra ipotesi è di coinvolgere delle guardie private per monitorare la zona negli orari più critici, chiamando in caso di necessità polizia e carabinieri. In ogni caso, ci siamo messi a disposizione del comitato di quartiere di Sant’Anna per risolvere i problemi sollevati». Scartata l’ipotesi di sosta limitata ai residenti («troppo complicata e macchinosa da realizzare e da far rispettare» fa notare Ferrario), le modifiche viabilistiche sperimentate venerdì e sabato andranno avanti: «Abbiamo convenuto con il comitato che per Sant’Anna non cambia nulla, visto che il problema è di maleducazione e sicurezza, ma dà la garanzia di poter incanalare, come confermato dai dati, più persone verso i parcheggi di Malpensafiere». n