Sono in arrivo 16 nuove assunzioni «Non era meglio risparmiare?»

La Provincia Varese - 13/03/2017

«Dopo che per anni avevamo
bloccato le assunzioni
al Comune di Varese per non
gravare sulle tasche dei cittadini
con le spese di personale,
ora la giunta di centrosinistra
ha previsto, solo per quest’anno,
16 nuove assunzioni
per un costo totale di circa
500 mila euro. Sono forse necessarie
con una pianta organica
di 865 unità, quasi il doppio
dei dipendenti di Busto
Arsizio (a parità di abitanti)?
E i quattro nuovi vigili, insieme
ai nuovi ausiliari della sosta,
serviranno per garantire
la sicurezza o – cosa assai più
probabile – per fare multe in
applicazione al piano sosta
targato Galimberti?».
Così il capogruppo di Forza
Italia Simone Longhini commenta
il documento di programmazione
del fabbisogno
di personale per il triennio
2017-2019 approvato dalla
giunta nei giorni scorsi, nel
quale si definisce l’assunzione
di 16 nuove figure professionali
per il 2017 che andranno
in molti casi a sostituire
personale in fase di pensionamento
e ad incrementare
la qualità professionale.
Nello specifico, nel documento
si annuncia l’assunzione
di un centralinista, un
perito elettronico, quattro vigili
urbani, tre ragionieri, un
segretario amministrativo,
due coordinatori amministrativi
laureati in legge, un
esperto di marketing territoriale,
un conservatore museale,
un ingegnere ambientale
e un avvocato.
Il Comune afferma che «i
nuovi assunti non incrementeranno
la spesa del personale».
Longhini però commenta:
«È vero che dal punto di vista
contabile le cose non
cambiano, ma evitando queste
assunzioni il Comune
avrebbe potuto risparmiare,
come abbiamo fatto noi negli
anni passati. Consideriamo
che, per il Comune di Varese,
la spesa totale per i dipendenti
equivale a circa un terzo
del bilancio per la spesa corrente. Per questo noi ci siamo sempre dati delle regole molto stringenti, tra cui quella di sostituire solo le persone d’obbligo per legge, come i disabili». Il sindaco Davide Galimberti, illustrando le linee guida del bilancio di previsione, ha spiegato le motivazioni legate alle nuove assunzioni: «Il provvedimento che abbiamo adottato ha come obiettivo quello di migliorare l’efficienza della macchina amministrativa modernizzando e specializzando diversi settori del Comune». «Grazie al lavoro virtuoso dell’amministrazione – ha precisato Galimberti – all’interno del percorso di riorganizzazione dell’ente stiamo puntando ad una modernizzazione generale del Comune senza aumentare però nessun costo perché il piano assunzioni è determinato in gran parte da pensionamenti che verranno coperti dalle nuove assunzioni. Vogliamo dunque continuare a valorizzare le professionalità interne e vogliamo anche aumentare allo stesso tempo l’organico specializzato per garantire servizi sempre più efficienti».