Somma Lombardo – Un direttore del Louvre ammira la Carità di Ravo

La Prealpina - 26/11/2019

«Somma Lombardo e il Louvre non sono mai stati così vicini e uniti». Nella giornata di ieri infatti, il direttore del dipartimento Educazione e Formazione del Louvre Cyrille Gouyette ha voluto vedere dal vivo la Carità realizzata dall’artista varesino Andrea Ravo Mattoni. A sorpresa Una visita lampo e a sorpresa quella del responsabile del museo parigino che, durante la sua toccata e fuga sommese, accompagnato dal sindaco Stefano Bellaria, dall’ur – ban artist e dal suo assistente Mayer Jacob, Paolo Rovelli e dal presidente del consiglio comunale Gerardo Locurcio, ha potuto ammirare il murale della Carità sulla parete dell’ex albergo Sempione inaugurata lo scorso settembre. «Ci fa molto piacere che Gouyette abbia riservato per noi questa visita inaspettata mentre si trova in Italia per altri impegni», afferma il primo cittadino al termine dell’incontro «e siamo contenti che un esperto del suo calibro abbia potuto vedere da vicino un tesoro del nostro territorio, la Carità che Ravo ha trasformato in murale». Come da protocollo, prima di vedere l’opera, Gouyette è stato accolto dal sindaco nella sede municipale di Palazzo Viani Visconti e, come svelato a incontro terminato, il direttore francese ha apprezzato la sala consiliare e la sala in cui sono esposte le opere dell’artista Giancarlo Sangregorio. «Ora aspettiamo Gouyette per una visita approfondita al Castello come ci ha promesso», afferma Bellaria che ha ringraziato Paolo Rovelli «per averci messo in contatto: Somma e il Louvre non sono mai stati così vicini e uniti». Invitato «La visita lampo di Gouyette – sot – tolinea Bellaria – conferma che la scelta di Ravo per abbellire la nostra città è stata azzeccata e ci dà lustro internazionale». L’artista infatti, proprio con il Louvre, sta portando avanti una stretta collaborazione che lo ha portato a realizzare, sempre con le sue fidate bombolette spray, la riproduzione de “L’abbandono di Arianna”, il quadro del pittore secentesco Luca Giordano. E c’è di più. In occasione della cerimonia ufficiale per i 500 anni della morte di Leonardo da Vinci, Ravo è stato invitato al castello di Château Royal d’Amboise per realizzare alcune tele e, durante l’evento ha incontrato anche il presidente della Repubblica italiana Sergio Mattarella e quello della Francia Emmanuel Macron. Due riconoscimenti del suo talento e della sua arte che non sono passati inosservati anche in quel di Somma. Il numero uno della giunta di centrosinistra infatti, ha svelato dei (possibili) progetti futuri con l’artista. «Siamo intenzionati a continuare la collaborazione con l’artista varesino», ammette il sindaco. L’obiettivo? «Rendere visibili a tutti opere locali sconosciute ai più e per rendere Somma più bella a beneficio di sommesi e non». L’opera Ravo, dopo aver visitato Castello Visconti di San Vito è rimasto colpito da “La carità“, realizzata da un ignoto artista bolognese del ‘600, rappresentata da una regina con due corone pronta ad aiutare chi è in difficoltà. «Un quadro di alta qualità», aveva detto. «È stata una piacevole sorpresa. Ma è quello che mi piace del mio lavoro: scoprire, e far scoprire o riscoprire, opere del patrimonio artistico e culturale del territorio».