Sindacati sul piede di guerra «A Malpensa troppo precariato»

La Provincia Varese - 26/05/2017

Da tempo le organizzazioni sindacali manifestato contrarietà all’introduzione dei sistemi di cooperativa nell’area rampa di Malpensa: «Le condizioni dei lavoratori dell’aeroporto non sono, da tempo, quelle percepite all’esterno, a fronte di orari di lavoro estremamente flessibili svolti attraverso turni di lavoro non concordati e carichi di lavoro massimizzati – spiegano in una nota congiunta le segreterie di FiltCgil Fit-Cisl Uil-Trasporti Ugl-Ta Flai-Ts Usb Cub Adl – con retribuzioni che per i nuovi assunti ammontano a poche centinaia di euro al mese. Pertanto la preoccupazione dell’impatto delle cooperative non è di natura corporativa o di retroguardia a difesa di chissà quale beneficio». E in queste ore, spiega il sindacato «molteplici segnali sono tornati ad indicare un’accelerazione nel processo di introduzione di questa tipologia di lavoro precario da parte di AGS e attraverso la cooperativa Alpina». Quella delle organizzazioni sindacali «non è una posizione pregiudiziale contro le Società Cooperative in quanto tali, ma una preoccupazione rispetto all’impatto che un evento di questa natura sicuramente avrebbe su un sistema, quello degli aeroporti milanesi, che storicamente si affida ad Imprese strutturate applicanti integralmente i Contratti Nazionali». Il timore, è di un forte impoverimento del lavoro: «L’utilizzo delle cooperative nell’ambito aeroportuale ha fin qui prodotto non solo gravi conseguenze per i lavoratori, fra incertezze retributive e contributive, regolamenti che derogano ai contratti, lacune nei corsi di formazione e nella safety, ma anche disservizi nell’assistenza ai passeggeri e nella sicurezza globale dell’assistenza agli aeromobili». Le modalità di lavoro cooperativo, attraverso la possibilità di subappalto offerta alle aziende tradizionali, «getterebbero immediatamente fuori mercato tutta quella “buona” impresa che, faticosamente, rispetta regole e contratti». Per tutti questi motivi le sigle sindacali hanno pertanto condiviso un fitto calendario di iniziative che si aprirà oggi con un’assemblea dalle 7.00 alle 10.00 aperta ai lavoratori di tutte le aziende che operano in area rampa di Malpensa.