Sfide di calcio, sumo e corsa. Fra robot

Un fine settimana all’insegna dei robot. Oggi e domani, dalle 9 alle 18, nei padiglioni di MalpensaFiere, tornano le Olimpiadi Robotiche, con la promessa di portare studenti e concorrenti da tutto il Nord Italia. Si tratta infatti di una competizione per la programmazione di robot rivolta alle scuole tecniche superiori e che negli anni passati ha visto l’affermazione dell’Itis-Ipsia Cipriano Facchinetti di Castellanza.

In quanto al concorso, è la quinta volta che verrà organizzato a Busto, nel contesto del circuito di Expo Elettronica, a sua volta organizzato dalla società romagnola Blu Nautilus. Alle scuole superiori coinvolte, è già stato consegnato un robottino che ha nome Printbot Evolution e che i concorrenti potranno smontare e programmare in classe.

«Nei giorni della manifestazione, poi, tali robot saranno fatti scendere in campo per misurarsi in quattro prove di abilità», spiega Daniele Foschi della Blu Nautilus. La prima prova si chiamerà line-follower e consiste nel programmare il robot in modo che segua una linea nera nel più breve tempo possibile. Seguiranno poi il robot-calcio, sfida due contro due con l’obiettivo di segnare più gol dell’avversario, il robot-sumo, dove vince il robot che spinge l’altro fuori dalla pedana di gara, e il labirinto dal quale non è facile per il robot uscirne.

«Il robot meglio programmato porterà la sua scuola sul podio, ma il premio sarà uguale per tutti e consisterà nella dotazione di libri tecnici utili a scopo didattico. Il montaggio e la programmazione del robot contribuisce ad alimentare abilità come la creatività, il lavoro di squadra, il pensiero critico, abilità motorie e di progettazione 3D. Non solo divertimento, dunque, ma il primo passo verso un’educazione tecnologica», assicurano gli organizzatori.