Sesto capitale dello sport? Il Comune è pronto alla volata

La Provincia Varese - 22/12/2016

Sesto ha presentato ufficialmente la propria candidatura ad ACES Europe per conseguire il titolo di Comune Europeo dello Sport nel 2019. L’annuncio è stato fatto ieri sera durante la conferenza stampa alla quale hanno preso parte oltre al sindaco Marco Colombo e ai consiglieri Simone Pintori e Danila De Candido, anche l’europarlamentare Alberto Cirio (vicepresidente dell’EGFA, l’organismo che rappresenta il Parlamento europeo all’interno dell’Aces Europe) e un nutrito gruppo formato da dirigenti di società sportive, rappresentanti dei commercianti e delle associazioni territoriali. In attesa della commissione L’iter è avviato e Sesto sarà inclusa in un dossier di candidature: sarà visitata da una commissione che effettuerà un sopralluogo degli impianti sportivi e, se ritenuta idonea, otterrà il conferimento del titolo a novembre 2018, per poter aprire l’anno solare celebrativo. «Non si tratta solo di una medaglia al valore – ha spiegato Cirio – ma questo riconoscimento porterà benefici concreti: servirà ad acquisire più punteggi per richiedere fondi europei, sia tramite bandi della Regione Lombardia sia della Comunità Europea e inoltre le risorse investite ricadranno sul territorio anche negli anni successivi. Oltre che un blasone per la comunità è anche un riconoscimento al merito delle società sportive locali». Pintori però all’onorevole ha domandato di più: «Vorremmo ottenere il Liceo Sportivo per la città: abbiamo già firmato un protocollo d’intesa con la preside dell’ISIS Dalla Chiesa e per noi sarebbe significativo». Per Sesto si profila un percorso molto impegnativo: la città dovrà mettere in campo tutte le sue energie per approntare progetti meritevoli e rappresentativi dello sport locale. «Stiamo pensando a un filo diretto con l’Europa – ha aggiunto Pintori – tramite il progetto Erasmus, abbiamo abbozzato idee da realizzare con la Sesto76 e il CSCK per i disabili. Ma s’ipotizzano anche eventi internazionali, con la canoa e il veloclub. Vogliamo coinvolgere tutti: la Consulta Sportiva e la Pro Loco, il Comitato del Palio e i commercianti». «Una bella squadra» Una buona notizia è la partnership annunciata con Decathlon di Castelletto Ticino. I giochi non sono ancora fatti ma da gennaio si lavorerà all’ambizioso progetto. Daniele Vanoli, il neo presidente della Consulta Sportiva, è pronto a collaborare con tutte le società. «Sarà davvero una sfida – dicono in coro Pintori e De Candido – Nel 2019 ci saranno anche le elezioni amministrative e saremo nel mirino. Ma ce la possiamo fare. Sesto ha grandi società e potenzialità». Altra buona notizia annunciata dall’Ad di Wave srl, il centro natatorio comunale, è che Sesto potrebbe essere il secondo centro nazionale del nord per il Triathlon. Soddisfattissimo il sindaco: «Abbiamo una bella squadra e Sesto è una piattaforma straordinaria anche paesaggisticamente». Ai dirigenti delle società sportive e a tutti, Colombo ha lanciato fin d’ora un appello: «Abbiamo realizzato l’IPP, un documento per la progettazione della nuova Marna che darà linee-guida ai progettisti. Chiedo a tutti di partecipare alle riunioni che ci saranno per giungere a un progetto condiviso. Voglio accelerare i tempi: partire coi lavori nel febbraio 2018 per essere pronti per il 2019». n