Sesto Calende – La notte dei fuochi verso una nuova data

 Lo spettacolo pirotecnico sul fiume Ticino inserito quest’anno nel cartellone del “Festival di Fuochi d’Artificio 2019” organizzato dal Distretto dei Laghi in collaborazione con l’Associazione Pro Sesto Calende presieduta da Ivana Boffo e col supporto dell’Amministrazione comunale che ha pagato l’evento pirotecnico, nel 2020 potrebbe cambiare periodo di svolgimento. Il Comune starebbe valutando l’ipotesi di abbinare la “notte dei fuochi” ad un evento cittadino importante che potrebbe essere o la festa di “Sesto Città” con il Palio Remiero dei Rioni, come gran finale della due giorni, o, e sarebbe una novità assoluta, il “Capodanno pirotecnico sul Ticino” il 31 dicembre con un contorno musicale nelle piazze in attesa del brindisi di mezzanotte.

Lo conferma l’assessore al Turismo e alla Cultura, Edoardo Favaron, forte del grande successo ottenuto sabato sera con lo spettacolo pirotecnico rinviato per la pioggia il 27 luglio scorso, a cui hanno presenziato 14.700 spettatori sui preventivati massimi accessi fissati nell’area dell’evento in riva al Ticino a 15.000 persone. «Si stanno valutando possibili date diverse per questa straordinaria attrazione per migliaia di persone. Al termine dei 15 minuti di spari ininterrotti di fuochi e giochi di luci presentati dalla ditta Parente Fireworks il pubblico ha applaudito sonoramente lo show multicolore esprimendo la sua soddisfazione. L’organizzazione ha funzionato al meglio e non ci sono stati problemi grazie alla collaborazione di tante persone che voglio ringraziare pubblicamente. Questa serata – sottolinea il vicesindaco Favaron – è il primo evento che ho gestito da quando sono stato nominato responsabile di turismo e cultura. Nei prossimi mesi organizzeremo altri importanti momenti di spettacolo, a cominciare tra due settimane dalla nona festa di “Sesto Città” alla gara sui dragon boat del “Palio Remiero”». La serata dei fuochi è stata animata anche dai concerti che hanno offerto show musicali di tipo diverso, dal ritorno dei Monkey Scream col loro Cabarok a Joe Valeriano Unplugged e il dj set di radio Village Network. Qualche perplessità ha suscitato, come lo scorso anno, l’incredibile chiusura sabato sera dell’Ufficio Turistico Iat di viale Italia mentre sui social sestesi è stato segnalato il problema dei rifiuti presenti in alcune zone del centro cittadino. In ritardo anche in centro il passaggio della spazzatrice. Ieri pomeriggio è stata anche recuperata sulla passeggiata di viale Italia “River’s Art”, la mostra di un gruppo di pittori, scultori, creativi e disegnatori del territorio; tra gli espositori la pittrice sestese Alessia Artoni.