Sesto Calende dà il via all’anno dello sport

La Prealpina - 14/01/2019

Una grande festa dello sport anche se in trasferta. Sesto Calende ha presentato in terra piemontese, ovvero nel palasport di Castelletto Ticino che ha accolto i tanti giovani e sportivi presenti, il Progetto “Sesto Calende Comune Europeo dello Sport”, che vedrà la partecipazione di 20 associazioni. Un movimento di oltre 3000 tesserati in un centro di soli 11.000 abitanti.

A fare da madrine della cerimonia di inaugurazione, due testimonial d’eccezione: l’atleta paraolimpica non vedente Martina Rabbolini, nuotatrice del Team Insubrika e Gaia Piazza campionessa di canoa, oltre agli atleti sestesi olimpici di canoa Mauro Crenna e Giulio Dressino che hanno iniziato la loro attività sulle acque dei Ticino e del Lago Maggiore fino ad arrivare alle olimpiadi di Rio de Janeiro, diventando tra i primi al mondo nella specialità. Suggestiva la cerimonia di inaugurazione con esibizioni di tutte le associazioni sportive per un evento che in un anno porterà sul territorio sestese 320 appuntamenti sportivi che coinvolgeranno tutte le discipline delle 20 società, dal calcio, all’atletica, dallo sci, allo judo. A fare gli auguri per la gara europea (a fine stagione ogni città prescelta riceverà un punteggio da una commissione di esperti), l’europarlamentare Alberto Cirio, il sottosegretario all’interno Stefano Candiani, il presidente della provincia di Varese Emanuele Antonelli e l’assessore regionale allo sport e giovani, Martina Cambiaghi che ha dichiarato: «Sono orgogliosa che il Comune di Sesto Calende possa valorizzare per tutto il 2019 lo sport locale. E’ un’occasione d’oro che coinvolgerà, a partire dal Comune, anche la Provincia di Varese e la Lombardia, un’opportunità preziosa per trasmettere tutti i valori che sono legati allo sport. Fare sport, sia a livello dilettantistico che agonistico, significa soprattutto integrazione, inclusione sociale e sviluppo di valori educativi. Sesto è un’eccellenza: ha portato sei atleti locali alle Olimpiadi di Rio nel 2016. Il vice sindaco di Sesto Calende Giovanni Buzzi e l’ex sindaco, nonché consigliere regionale leghista Marco Colombo, hanno fatto gli onori di casa, con il consigliere comunale con delega allo sport Simone Pintori che è stato il “deus ex machina” di un’iniziativa che si prospetta impegnativa: «La città di Sesto – hanno detto – avrà per tutto il 2019 il compito importante di promuovere lo sport in Lombardia e nel Paese. Ci aspetta un anno importante, ricco di eventi, ma anche un grosso impegno che coinvolgerà tutta la città e le associazioni dalla Pro Loco ai commercianti».