Scuola sempre più digitale Istituti sestesi all’avanguardia

La Prealpina - 23/01/2019

SESTO CALENDE -Le scuole sestesi si distinguono per le loro aule digitali, risultate le migliori in Lombardia. Il Ministero della Pubblica Istruzione ha pubblicato nei giorni scorsi la graduatoria nazionale: su 115 progetti selezionati, nove scuole varesine sono state premiate. A Sesto Calende ben due istituti di valore: l’istituto comprensivo Ungaretti (al 36° posto, primo in provincia di Varese) e l’Isis Dalla Chiesa (68°). «L’Ungaretti è sempre stato all’avan – guardia nell’utilizzo delle tecnologie digitali nella didattica», spiega Claudio Carabelli, membro del comitato tecnico scientifico della scuola. «Questo finanziamento di 20mila euro conferma un trend in atto da alcuni anni». Prosegue Daniela Pappalardo, animatrice digitale: «Il bando Miur è arrivato al momento giusto. L’istituto, che ha già un Atelier digitale e creativo, voleva investire da tempo nella realizzazione di una nuova aula polifunzionale che unisse il mondo del digitale allo storytelling. Abbiamo voluto scommettere su questo connubio perché pensiamo che il mix tra lettura espressiva, creazione di storie inedite, curation content, unito ad attività legate alle nuove tecnologie coinvolgerà in modo pieno i nostri alunni». Nello stesso ambiente non può mancare una biblioteca di testi, anche in lingua, fonte di continua ispirazione per i ragazzi. Tutto il patrimonio creativo da loro prodotto potrà essere ripreso (tramite videomaking) e condiviso in verticale (infanzia e primaria) e con gli altri alunni, specie quelli più in difficoltà. «Gli obiettivi didattici ed educativi legati alla narrazione, infatti, non sono solo linguistici ed espressivi ma anche sociali (negoziazione, problem solving) ed emotivi. Il fine ultimo diventa la costruzione dell’identità dei cittadini del futuro, forti del bagaglio culturale del passato, capaci di rimodellarlo per creare essi stessi innovazione, consapevoli del loro ruolo nella società». La dirigente Emanuela Melone, il suo team di docenti, compreso quello digitale e il comitato tecnico scientifico dell’Atelier si sono subito attivati, coinvolgendo partner istituzionali e comitati genitori, fra cui l’architetto e mamma Lorena Pippinato che ha realizzato il progetto grafico dell’aula. «I Comuni di Golasecca, Mercallo e Sesto hanno partecipato con entusiasmo all’iniziativa che ha trovato sostegno anche all’istituto superiore Dalla Chiesa, con cui da anni c’è una proficua collaborazione. È stato bello essere uniti per raggiungere un obiettivo condiviso che arricchirà il comprensivo e lo renderà sempre più all’avanguardia. Siamo molto orgogliosi di questo successo e non vediamo l’ora di attuare il progetto». Anche Ugo Mazzoccato di Insieme per Sesto plaude a questo grande risultato: «Bella la sinergia creatasi fra istituti con ragazzi di età e studi diversi. Questi progetti sono importanti per favorire l’inclusione scolastica e scoraggiare la dispersione».