Sconto anti coda

La Prealpina - 15/09/2021

Cantieri autostradali che generano code e ritardi. Una realtà con cui devono combattere, sempre
più spesso, coloro che si spostano tra Milano, Como e Varese, lungo la A8 e la A9. E che genera
ovviamente stress e nervosismo per chi è al volante.

Restare imbottigliati a causa dei lavori è infatti il leit motiv che purtroppo accompagna sovente chi percorre queste
due arterie. Disagi che Autostrade per l’Italia vuole rendere più lievi con lo strumento del cashback dei
pedaggi, al via da oggi.
In caso di ritardi durante il viaggio in autostrada – e che siano ovviamente attribuibili ai lavori – sarà possibile ottenere un rimborso. Il servizio di restituzione, previsto nell’ambito del piano strategico di trasformazione di Aspi sulle tratte
di competenza della società, è accessibile grazie alla app di Free To X ed è già disponibile su tutti gli store per dispositivi Android e Ios.

L’applicazione è gratuita: dopo un periodo di test portato avanti nei mesi estivi, è aperta ora a una fase
sperimentale (fino al 31 dicembre 2021) per l’utilizzo di massa, indipendentemente dalla classe di veicolo
e dal mezzo di pagamento utilizzato.
Ai consorzi e ai loro associati il servizio sarà reso accessibile in una fase successiva, grazie a un processo di adesione dedicato che consentirà di recuperare retroattivamente i rimborsi relativi agli itinerari percorsi dal 15 settembre.
«È un primo importante passo verso la digitalizzazione – spiega l’amministratore delegato di Autostrade
per l’Italia, Roberto Tomasi -. Prossimamente lanceremo anche uno strumento per agevolare l’utenza
nella programmazione del viaggio, fino ai 15 giorni successivi, in modo da conoscere per tempo gli eventuali cantieri aperti, così poter pianificare al meglio, appunto, il nostro tragitto».

Il piano di trasformazione di Aspi si basa sui pilastri di sostenibilità e digitalizzazione e prevederà a breve anche l’installazione di colonnine per la ricarica elettrica in 100 aree di servizio. E nella nostra zona, anticipa alla Prealpina Tomasi, «ne sono previste quattro e sono anche in corso d’opera importanti interventi strutturali alla rete autostradale».

Ma torniamo al cashback, che è stato studiato a partire da benchmark di altre soluzioni italiane ed estere nel settore della mobilità.
La misura – condivisa con il Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità sostenibili e in fase di presentazione
formale all’Antitrust – rientra nella strategia complessiva di Autostrade per l’Italia e consente di mettere a disposizione degli utenti nuovi servizi interattivi, per conoscere in tempo reale lo stato del traffico sulle autostrade e accedere
al ristoro del pedaggio per tempi di percorrenza superiori agli standard di riferimento (tempi calcolati su velocità: 100km-h per i veicoli leggeri; 70 km-h per i veicoli pesanti), per la presenza di cantieri programmati sulla rete di
Aspi.
«Il servizio cashback – afferma il direttore generale Free To X, Massimo Iossa – viene assegnato a partire da 15 minuti di ritardo e prevede rimborsi dal 25% fino al 100% del pedaggio, in base alla lunghezza del viaggio e ai minuti di
ritardo». Rimborso che verrà erogato tramite rimborso monetario (bonifico o accredito in fattura Telepedaggio,
in base agli accordi in essere).

I ritardi causati da traffico intenso, incidenti, eventi meteo, manifestazioni, o qualunque altra motivazione diversa dai lavori non daranno diritto invece a rimborsi.