Saronno Ecco la seconda giunta Fagioli

Prima riunione dalla giunta “post-rimpasto” ieri pomeriggio in municipio: come noto, con l’ingresso di Forza Italia in maggioranza, il sindaco Alessandro Fagioli ha riorganizzato e rivisto le deleghe assegnate agli assessori. Un’operazione annunciata già prima della campagna elettorale delle elezioni nazionali e regionali che però, quando si è arrivati al dunque, ha finito per suscitare diverse discussioni, in particolare dopo l’ingresso, avvenuto proprio nei giorni scorsi, dell’ormai ex assessore Maria Elena Pellicciotta in Forza Italia, che si è però vista ugualmente revocare l’incarico. Il primo cittadino ha infatti avocato sé la delega all’urbanistica. A Maria Assunta Miglino sono invece state assegnate le deleghe alla Cultura, istruzione e pari opportunità. Cambio di “dicastero” per l’assessore Lucia Castelli, chiamata a occuparsi della comunicazione e della valorizzazione del territorio.

Un’operazione che non è piaciuta affatto al Pd, che ha invitato il primo cittadino e la maggioranza a individuare al più presto un nuovo assessore all’urbanistica.

Il giorno dopo l’avvio del nuovo corso, e le scintille che ne sono seguite il sindaco Alessandro Fagioli fa chiarezza sull’accaduto: «A livello politico si era domandato di fare un passo indietro nell’interesse della città: era stato in sostanza chiesto di presentare delle dimissioni da incarichi di giunta, che però non sono mai arrivate sul mio tavolo – fa sapere il primo cittadino – La situazione che poi si è venuta a creare è stata spiacevole dal punto di vista umano. In generale, quel che al momento posso dire è che ritengo che l’ex-assessore Pellicciotta avrebbe dovuto chiarire in precedenza la propria posizione politica; le scelte prese sono infatti state tardive e, da quanto mi risulta, non condivise e concordate con le segreterie». L’amministratore ribadisce di avere comunicato e reso noto per tempo quale fosse la posizione della maggioranza in merito al riassetto delle deleghe in giunta e le decisioni che erano state prese.

«Ho atteso per quasi due settimane le dimissioni che erano state richieste – conclude Fagioli – ma alla fine ho dovuto predisporre il decreto di revoca». L’ex consigliere comunale Agostino De Marco, commissario di Forza Italia, torna infine sull’ingresso degli azzurri in maggioranza e sulla vicenda dell’assessore dimissionato: «Ho più volte ribadito che Fi è una parte del centrodestra e le recenti elezioni regionali hanno ancora una volta evidenziato quanto sia importante l’unità della coalizione – sottolinea – riguardo all’ex assessore Pellicciotta sono contento che sia entrata in Forza Italia e ritengo che avrà di modo di fare un percorso politico che potrà valorizzarla, tenendo nel debito conto l’esperienza maturata nella giunta Fagioli».