Sarà un maggio arancione Boom prenotazioni easyJet

La Prealpina - 23/04/2021

Quindici anni a Malpensa festeggiati con un aumento (di quasi il 200%) delle prenotazioni per maggio: succede a easyJet, che con oltre 21 velivoli e più di 900 dipendenti è oggi la principale compagnia dello scalo.
Il boom degli ultimi giorni consegue all’annuncio del governo dell’allentamento delle restrizioni tra le regioni: «Veniamo da un anno di crisi della domanda, il Covid ha avuto un impatto drammatico e le persone hanno
smesso di viaggiare anche per le restrizioni ai viaggi.

Il 2021 è partito in salita ma finalmente oggi si intravede un po’ di luce in fondo al tunnel», commenta Lorenzo Lagorio, country manager per l’Italia della low cost.

Per rispondere a tale boom la società ha messo a disposizione 20mila rotte da e per l’Italia: «In vista della ripresa abbiamo concentrato la nostra capacità sui mercati dove pensiamo che la domanda si concentrerà. Abbiamo deciso di aumentare perciò le frequenze col Sud Italia e soprattutto con Sicilia e Sardegna».
Nel periodo estivo ci saranno anche destinazioni europee (tra cui il nuovo collegamento con l’aeroporto di Candia
a Creta) legate ai viaggi per turismo.

Secondo Lagorio la voglia di viaggiare è forte e con l’uso sistematico dei tamponi e la progressiva immunizzazione
delle fasce a rischio si potrà arrivare alla ripresa. Riporta che la società è favorevole al digital green pass lanciato
dalla Commissione Ue: questo e strumenti simili potrebbero avere «un ruolo utile per ripristinare la mobilità, purché siano pensati per semplificare la vita alle persone. Devono essere usati nella misura in cui servono per un
movimento tra regioni o paesi con rischi diversi e non rimanere per sempre».

Per attrarre passeggeri, la compagnia continuerà poi a insistere nel dare la chance ai clienti di disdire le prenotazioni se mutano le circostanze epidemiologiche: «Il tema chiave è la flessibilità. Abbiamo introdotto regole che consentono di disdire senza dover pagare una penale. Stiamo pensando di incrementare ulteriormente questa flessibilità».

Importante per la brughiera sarà poi l’estensione da maggio del centro di addestramento agli assistenti di volo
di tutta l’Europa continentale. «Circa 4000 persone verranno ogni anno a fare addestramento, per un totale di
6000 tra piloti e assistenti».
Questo dovrebbe comportare benefici economici per l’indotto. Da una parte sarà «un forte richiamo per la tradizione aeronautica del territorio». Dall’altra avrà «un impatto importante in termini di ospitalità» per chi verrà ad addestrarsi e dovrà pernottare e vivere sul territorio.

Altri investimenti riguardano infine la sostenibilità, tema molto sentito da chi vive nella zona, tra inquinamento ambientale e acustico. Tra le varie misure, si sono basati gli airbus a321neo di ultima generazione «che producono
un 15% in meno di emissioni e un 50% in meno di rumore in fase di decollo e atterraggio». Ma soprattutto, Lagorio rivendica che easyJet è la prima grande compagnia a compensare le emissioni di tutti i suoi aerei, «che significa investire in progetti di rimboschimento, energie rinnovabili e altri che bilanciano l’impatto negativo dei voli. Si tratta di un progetto avviato nel novembre 2019 e non interrotto”.