Riattivati i vecchi binariAl lago si andrà in treno

La Prealpina - 02/03/2016

ulla riattivazione della parte terminale della vecchia tratta ferroviaria Varese-Porto Ceresio, da Arcisate al centro sul lago di Lugano, che avverrebbe in coincidenza dell’apertura della linea Arcisate-Stabio prevista per la fine del 2017, non sono mancate le rassicurazioni, sia da parte di esponenti politici sia di dirigenti delle Ferrovie dello Stato ai massimi livelli.

C’è però ora la conferma che, entro quest’anno, saranno appaltati i lavori di ripristino dei binari e degli impianti. Da quando la ferrovia è stata chiusa, a fine 2009, per realizzare il nuovo collegamento internazionale con la Svizzera, sono rimasti abbandonati e sommersi dalla vegetazione. La notizia è stata data dal sindaco di Induno Olona, Marco Cavallin, il quale ne ha parlato con rappresentanti di Rete Ferroviaria Italiana al tavolo di monitoraggio sull’andamento dei lavori dell’Arcisate-Stabio. «Ho chiesto informazioni -dice Cavallin- a nome dei sindaci di Bisuschio e Porto Ceresio, Giovanni Resteghini e Giorgio Ciancetti, che non sono presenti a queste riunioni periodiche che si svolgono a Varese con gli amministratori dei Comuni interessati dai lavori della nuova linea (Induno Olona, Arcisate e Cantello). In questa sede, mi è stato confermato che sarà ripristinata e rimessa in esercizio la tratta terminale che raggiunge il lago di Lugano e verrà ristrutturata la stazione capolinea di Porto Ceresio. È davvero una buona notizia per tutti. Sulla nuova linea transiteranno da Induno e Arcisate sei treni ogni ora: quattro sulla tratta Varese-Mendrisio e due sulla Varese-Porto Ceresio». Per oltre un secolo, precisamente dal 1894, il treno ha collegato Milano con i nostri paesi e negli anni della Belle Époque era utilizzato da molti villeggianti per raggiungere, in particolare, le ville in stile floreale e gli alberghi di Induno e Viggiù, ma anche i paesi sul lago di Lugano. Se la stazione capolinea di Porto Ceresio è stata sistemata e ospita la sede della protezione civile e un museo del treno e della navigazione sul lago, quella di Bisuschio, in località Piamo, all’interno della quale c’è un bar, è in uno stato di degrado, tra l’altro con scritte sui muri esterni. Questa fermata, tuttavia, è importante anche in considerazione della vicinanza con l’unica scuola superiore della Valceresio.

Con la finalità di tenere alta l’attenzione sulla tratta Arcisate-Porto Ceresio, Legambiente Valceresio ha organizzato una manifestazione che si svolgerà la mattina di domenica 13 marzo, in occasione della “Giornata delle ferrovie non dimenticate”. Ciclocittà ha promosso un’escursione in bici da Varese lungo il vecchio tracciato e ci si ritroverà poi nella palazzina civica di Porto Ceresio per un dibattito sulle prospettive delle ferrovie nel Varesotto.