Regione finanzia, Varese investe

Prealpina.it - 24/02/2017

I numeri sono impressionanti ma, in un certo senso non c’è da stupirsi.

La Lombardia è uno Stato nello Stato e, con le iniziative di sviluppo delle imprese, si applica (in parte) il principio per cui le tasse pagate vengono poi ridistribuite sul territorio. Come?

Sono 58 a oggi le misure attivate negli ultimi quattro anni dall’assessorato allo Sviluppo economico sull’intero territorio regionale e in provincia di Varese a beneficiarne sono state 590 imprese per contributi concessi pari a 39,2 milioni di euro di cui 5,7 milioni alle imprese del commercio e reti distributive, 1,7 turismo e attrattività integrata e 31,8 in attività produttive, terziario ed export.

Ma il modo in cui sono studiati i bandi, fa schizzare gli investimenti a circa 70 milioni di euro, poiché in molte linee di finanziamento, la Regione eroga una parte del denaro, il resto lo deve mettere il privato. Funziona?

A volte, ma non sempre.

Tuttavia l’idea che vi sta dietro è chiara: in un mondo in cui i grandi e le multinazionali si prendono tutto, il Pirellone cerca di sostenere le piccole e medie imprese.

E’ quanto emerso oggi, venerdì 23 febbraio, alle Ville Ponti, dove la Camera di commercio di Varese ha ospitato l’assessore regionale Mauro Parolini, che ha incontrato imprenditori e rappresentanti delle associazioni di categoria anche per presentare le nuove linee guida.

Articolo sulla Prealpina di venerdì 24 febbraio.