Raddoppia la bolletta energetica delle Pmi

La Prealpina - 25/01/2018

 Energia sempre più salata per le micro e piccole imprese (Mpi): a lanciare l’allarme sugli aumenti preoccupanti di inizio anno è Confartigianato Imprese Varese. Dal 1 gennaio 2018 sono cambiati i criteri di distribuzione degli “oneri aggiuntivi” presenti all’interno delle bollette delle imprese. L’aumento sulle Mpi – affondano dall’associazione – «è scattato puntuale per effetto degli sgravi sugli oneri generali di sistema alle grandi industrie energivore, previsti dalla Legge Europea varata a metà novembre dal Parlamento. L’impatto della riforma sarà variabile per ciascun consumatore, legato alla proporzione tra consumi (kWh) e potenza massima (kW). Ma la sostanza non cambia: per le Mpi si rischia il raddoppio del costo della potenza sulle bollette dell’energia elettrica».

Confartigianato analizza la situazione attraverso l’indice del costo dell’energia elettrica sul mercato di maggior tutela per una micro-piccola impresa (Mpi). E i risultati scoraggiano. L’esempio è un profilo di azienda tipo con potenza impegnata di 45 kW e un consumo annuo di 60 MWh.

Al primo trimestre 2018 l’impresa sostiene un costo annualizzato per l’energia elettrica di 12.144 euro – pari a 20,24 c€/kWh – in crescita del 5,9% rispetto al trimestre precedente (679 euro in più) e del 10,9% rispetto allo stesso trimestre dello scorso anno (1.195 euro in più). A novembre 2017 i prezzi alla produzione nel settore manifatturiero hanno segnato un aumento dell’1,6%.

Quanto al costo della bolletta elettrica di una micro-piccola, il 43,8% va alla spesa per la materia energia, il 34,6% interessa la spesa per oneri di sistema, il 15,5% è per il trasporto e il 6,2% per l’accisa.

«Se vogliamo che il sistema imprenditoriale delle Mpi colga al volo le opportunità offerte dalla ripresa, non possiamo sovraccaricarlo di costi esorbitanti a favore delle tremila imprese energivore, la maggior parte grosse imprese – conclude il presidente di Confartigianato Imprese Varese, Davide Galli -. Le agevolazioni devono essere pensate secondo equità. Poi è importante saper leggere in modo corretto la bolletta dell’energia elettrica. Un punto che può fare la differenza sul quale Confartigianato Imprese Varese lancerà, fra alcuni giorni, un approfondimento attraverso una video guida realizzata dai nostri professionisti del gruppo di acquisto per l’energia e il gas di Confartigianato (Cenpi)». Il 2017 si è chiuso con un risparmio medio di oltre il 10% nel gruppo.