Quattro anni di calvario Ma l’azienda è innocente

La Provincia Varese - 16/02/2017

Lieto fine dopo quasi cinque anni di calvario in tribunale per un imprenditore bustocco che era stato accusato da tre operai nordafricani di un’impresa appaltatrice, colti da malore dopo essere entrati in contatto con un solvente: assoluzione piena. «È emersa la pura verità» commenta Franco Marini, titolare della Tank Service Srl. L’azienda opera nel settore del trattamento e ricondizionamento di contenitori in acciaio provenienti dal ciclo industriale delle verniciature e delle colle anche nel campo della produzione automobilistica ed è insediata a Magnago, appena fuori dai confini della città. Investimenti in sicurezza Sono stati quattro anni e mezzo di preoccupazione per Marini, che per provare la sua innocenza, era arrivato addirittura a proporre di consegnare le chiavi dell’azienda nelle mani del giudice. Perché la Tank Service ha investito negli ultimi anni centinaia di migliaia di euro in apparecchiature e dispositivi per la sicurezza collettiva ed individuale dei lavoratori e nelle innovazioni tecnologiche, con adeguamenti costanti anche alle varie prescrizioni dei funzionari dell’Asl. Ma tre operai nordafricani, dipendenti di un’impresa appaltatrice, che avevano lavorato all’interno dello stabilimento di Magnago per qualche settimana tra giugno e luglio 2012, al Pronto Soccorso avevano denunciato di essere stati colti da malore dopo essere entrati in contatto con un solvente usato nel ciclo di pulizia dei contenitori. Pur non avendo subito danni permanenti alla salute, dopo qualche giorno di ricovero in osservazione, la denuncia dei lavoratori fece partire un’inchiesta: Marini e il titolare dell’impresa appaltatrice furono accusati di lesioni con colpa grave e persino dolo, e di aver provocato volontariamente un infortunio di lavoro per aver omesso l’adozione delle misure di sicurezza nello stabilimento. «Ha vinto la verità» Un’accusa pesante, che ha dato il via ad una lunga e faticosa fase processuale al Tribunale penale di Milano per l’imprenditore bustocco, difeso dall’avvocato Massimo Marini. Conclusa, dopo una lunga istruttoria in cui sono state acquisite perizie medico-legali e testimonianze dei dipendenti dell’azienda, con la piena assoluzione degli imputati. «In definitiva è emersa la pura verità – sottolinea Franco Marini – sono contento di aver reso l’esame sul banco dell’imputato. Non avevo nulla da nascondere. Tank Service ha sempre guardato alla sicurezza dei lavoratori senza risparmiare denaro e sforzi, un fatto che il Tribunale ha certamente valorizzato. Siamo soddisfatti: continueremo a lavorare con serenità e a ricercare miglioramenti»