Piscina Schiranna ma non solo Un “tuffo” nell’oro

La Prealpina - 30/11/2018

«I risultati sono oltremodo positivi. Al 30 settembre di quest’anno siamo a 170mila euro di utile». L’amministratore unico di Aspem Reti Alfonso Minonzio ha illustrato ieri i numeri della stagione della Piscina Lido Schiranna: «Un utile in crescita, visto che siamo partiti, dopo gli ingenti lavori di messa a norma dell’impianto, da una dotazione risicata di 22mila euro del bilancio del 2016, salendo poi nel 2017 a 132mila euro. Ovviamente, per quest’anno l’utile è ancora provvisorio, dipenderà dagli interventi previsti nelle prossime settimane, ma è significativo. Mi conforta il fatto che, alla fine del mio mandato tra qualche mese, avremo consegnato alla città una struttura certificata e con tutti i requisiti».

Minonzio, che ieri ha presentato i dati a Palazzo Estense con il sindaco Davide Galimberti, ha sottolineato il contributo assicurato dalla gestione della Asd Canottieri Varese, che due anni fa ha vinto la gara d’appalto per la gestione dell’impianto. Per la società era presente il direttore generale Pierpaolo Frattini: «La nostra scelta di rivolgerci ai giovani e alle famiglie è stata premiata, abbiamo creato un luogo in cui le persone possono venire a rilassarsi e a divertirsi».

I numeri in crescita lo confermano: oltre 10mila presenze nei tre mesi di apertura e i ricavi sono stati circa del 20 per cento superiori rispetto alla stagione 2017. Un grande lavoro di squadra: «Fondamentale – continua Frattini – è l’articolazione del compendio, che comprende, oltre alla piscina, servizio di ristorazione e bar. È una parte della nostra attività complementare a quella che organizza eventi sportivi sul territorio».

Frattini rimarca lo stretto legame tra le iniziative di canottaggio e la presenza di pubblico: «Il nostro miglior giorno di incasso di tutta la stagione è stata la domenica in cui si svolgevano in concomitanza le gare del nostro evento più importante: il Festival dei Giovani. Ciò significa che una manifestazione così importante, che ha visto 1700 iscritti e 3000 partecipanti da tutta Italia, non ha interferito con l’attività della piscina, che, anzi, ne ha beneficiato. Perciò continueremo seguendo questo indirizzo anche l’anno prossimo. Già in questa stagione abbiamo incrementato le possibilità per i nostri clienti, dai corsi di nuoto libero ed altre attività sportive al Summer camp, frequentato da oltre cento ragazzi, alcuni dei quali, tramite questa scelta, si sono avvicinati al lago e alla Schiranna per la prima volta».