Piano della sosta e commercio «Al sabato crollo degli acquisti»

La Prealpina - 28/09/2017

Faccia a faccia tra l’amministrazione comunale e il comitato “Diamoci una mano varesini” nella riunione mensile che si è svolta ieri al Caffè della Piazzetta.

Alla vigilia dell’incontro il piano della sosta si profilava come principale argomento da trattare, approfittando della partecipazione degli assessori Ivana Perusin e Andrea Civati, che fin da subito hanno raccolto l’invito: si tratta di uno degli argomenti più social di queste ultime settimane.

Non passa giorno che non campeggi sulle pagine degli organi di informazione con polemiche che «puntualmente raggiungono i clienti varesini facendo percepire la città come insicura e con costi dei parcheggi insostenibili», ha spiegato il portavoce del Comitato Paolo Ambrosetti, tanto da spingere il tessuto commerciale della città a volersi rendere conto in prima persona del modo in cui l’amministrazione comunale voglia cambiare e invertire questa tendenza, in modo che «fare acquisti continui ad essere un piacere legato ad un’immagine di serenità e gradevolezza».

Un dialogo serrato, animato da uno spirito propositivo e costruttivo da parte di tutti «perché – ha precisato però Ambrosetti – le polemiche fini a se stesse non ci interessano e le lasciamo ad altri. Certo, alcuni dati delle vendite dei negozi del centro, sia di piccola dimensione sia della grande distribuzione, parlano chiaro: si vende bene dal lunedì al venerdì, il sabato c’è un crollo degli incassi (-40%), che ripartono invece di domenica, forse perché non si paga il parcheggio. Da un lato noi imprenditori dobbiamo fare valutazioni diverse, dall’altro però il Comune non deve porsi come competitor».

Sta sul concreto, Ambrosetti: «Una proposta da cui partire riguarda “Shopping senza sosta”, presentata qualche mese fa e rispetto alla quale la concertazione sulle effettive possibilità di realizzazione non ha mai avuto risposta da parte degli amministratori.

L’idea è di rimborsare il costo del parcheggio al cliente, alcuni commercianti l’hanno già fatto come sperimentazione, ma ora ci deve una compartecipazione del Comune: da gennaio vorremmo una convenzione, facendo in modo che il rimborso sia diviso a metà tra i negozianti e il Comune. Abbiamo chiesto inoltre che l’idea venga pubblicizzata sui parcometri stessi. Allo stesso modo stiamo pensando a dei Gratta e Vinci per i parcheggi, un’idea che un cittadino privato ha già proposto all’assessore Civati, un meccanismo utile per chi lavora in orari inconsueti e dunque non è interessato all’acquisto dell’abbonamento mensile». Allo stesso modo l’assessore Perusin si preparava all’incontro nei giorni scorsi: «Risponderemo alle domande, meglio incontrarsi dal vivo. Abbiamo anche delle novità per quanto riguarda il Natale, è già stato approvato in giunta e a breve sarà reso pubblico un bando per rendere le iniziative ancora più omogenee, facendo in modo che sia quanto mai evidente che c’è dietro un’unica regia. Altro punto da qui in poi saranno le luminarie, sulle quali il Distretto Urbano del Commercio non potrà intervenire quest’anno, come invece è successo nello scorso».