Ordini in aumento per Leonardo Per l’azienda 2,6 miliardi di euro

La Provincia Varese - 08/05/2017

Ordini in crescita e redditività in aumento per la trimestrale di Leonardo approvata in questi giorni. Sono stati infatti acquisiti nuovi ordini per 2,6 miliardi di euro, in crescita rispetto al primo trimestre 2016, il che ha portato ad un miglioramento nel rapporto ordini/ricavi, pari a 1,1. Il risultato Netto Ordinario a 78 milioni di euro è in crescita di circa il 40% ed anche l’Indebitamento Netto di Gruppo a 3,3 miliardi di euro risulta in netto miglioramento. I ricavi registrano un decremento rispetto al corrispondente periodo del 2016 pari a 60 milioni di euro, attribuibile sostanzialmente alla contrazione di volumi degli Elicotteri, oltre che all’effetto negativo derivante dall’andamento del cambio. «Tutto il gruppo è pienamente concentrato sulla realizzazione del piano industriale» ha sottolineato Gian Piero Cutillo Chief Financial Officer del gruppo Leonardo durante la conference call con gli analisti sui risultati del primo trimestre. «L’anno è cominciato bene, il leggero calo dei volumi era atteso, soprattutto nel settore elicotteri, dopo un quarto trimestre 2016 molto forte. Nonostante le difficoltà del mercato, il gruppo conferma la sua resilienza». Le acquisizioni di nuovi ordini nei primi tre mesi del 2017 in crescita, sono attribuibili in particolare all’Aeronautica (+ 25%), che ha beneficiato di ordini per le attività di supporto alla flotta dei velivoli EFA nella Divisione Velivoli e sui programmi B787 e ATR nelle Aerostrutture. C’è stato anche un progresso negli Elicotteri rispetto al dato particolarmente negativo del 2016 (+20%), pur in un contesto che rimane caratterizzato dall’incertezza e dalle difficoltà di alcuni mercati di riferimento, a fronte del calo nell’Elettronica, Difesa e Sistemi di Sicurezza. Entrando nel dettaglio delle divisioni, quella relativa agli elicotteri, che riguarda più da vicino il nostro territorio, pur in un contesto che rimane caratterizzato dall’incertezza e dalle difficoltà di alcuni mercati di riferimento, l’andamento del primo trimestre mostra un livello di nuovi ordinativi in crescita rispetto allo stesso periodo dell’esercizio precedente, in particolare nel segmento governativo e per il modello AW139. I risultati economici hanno risentito di alcuni rallentamenti negli avanzamenti produttivi, oltre che all’effetto negativo del cambio di conversione delle società in valuta diversa dall’euro, confermando tuttavia una redditività in doppia cifra. n