Olimpiadi, 500 stanze in provincia

Che turismo e sport viaggino a braccetto, in provincia di Varese lo sanno molto bene. Gli operatori economici lo hanno sperimentato sulla propria pelle nel passato recente e i benefici si sono visti in termini di numeri di presenze e sviluppo economico territoriale. Ecco perchè anche la provincia di Varese non poteva lasciarsi sfuggire l’opportunità di Milano-Cortina 2026. Federlaberghi Varese, infatti, ha dato il suo contributo concreto per garantire a Milano la capacità di accoglienza necessaria per aggiudicarsi i Giochi Olimpici invernali. I titolari degli hotel varesini hanno messo a disposizione dell’organizzazione circa 500 camere in strutture a tre o quattro stelle, per ospitare in modo adeguato parte della carovana olimpica. Tutte sistemazioni comode per raggiungere in poco tempo le strutture sportive del capoluogo lombardo.

«Tra i requisiti richiesti per aggiudicarsi i giochi – spiega Frederick Venturi, presidente di Federlberghi Varese – vi era la necessità di riservare una certa quota delle camere disponibili all’evento durante il suo svolgimento, fatte salve le prenotazioni già in essere. Gli albergatori del Varesotto hanno risposto in modo affermativo con la loro piena disponibilità rispetto ad un evento sportivo che promette di avere molte ricadute positive anche sul nostro territorio. Dobbiamo anche sottolineare – continua Venturi – che gli occhi di tutti sono puntati sulle ricadute turistiche che le gare potranno avere sulla città e su di un territorio come il nostro che, a sua volta, ha una grande vocazione turistico sportiva e che potrà approfittare di questa occasione per farsi conoscere ed apprezzare».

È’ chiaro che tra i punti di forza della provincia, un ruolo essenziale viene svolto dalla presenza dello scalo di Malpensa, che fin dai primi momenti della candidatura, è stato indicato come l’aeroporto dei Giochi Olimpici: sarà snodo nevralgico per gli arrivi e le partenze di sportivi e appassionati..

«Come già accaduto in occasione di Expo – spiega ancora Venturi – la nostra vicinanza con la città di Milano rappresenterà una occasione di sviluppo per tutto il sistema dell’accoglienza, non solo per gli alberghi, ma anche per il settore della ristorazione, per il commercio e per le produzioni locali. Sarà importante farsi trovare pronti affinché il territorio possa godere degli effetti positivi di questo momento di promozione: solo così si potranno poi raccogliere i frutti anche negli anni successivi all’evento».