Notte nel Novecentotra le sale di Villa Ponti

Esiste un luogo misterioso, in cui per una notte si potrà respirare il passato. Una villa ottocentesca in stile neogotico, un parco all’inglese illuminato dalla luce che filtra da ampie finestre e un atrio dominato da un’imponente cupola. Gli affreschi, le statue in bronzo e gli arredi d’epoca dei saloni svelano un’atmosfera fiabesca. Qui, nei suggestivi spazi della Villa Andrea Ponti a Biumo Superiore, sabato 16 luglio, dalle ore 21.30 si terrà un evento esclusivo: un rendez-vous vintage dagli anni ‘20 ai ‘60, con musica dal vivo, esposizione di auto d’epoca e dresscode a tema, cocktail del passato, parrucchieri per gratuite acconciature retrò, mostra d’arte e corner fotografici per foto-ritratti con l’antica tecnica del collodio umido.

Dopo il successo dello scorso anno, torna “Artistocratic”, una « notte suggestiva» come promettono gli organizzatori che hanno ottenuto il patrocinio dell’Amministrazione comunale e che ieri mattina hanno presentato l’appuntamento a Palazzo Estense.

«✧La notte – hanno annunciato – si fonderà con il sogno, il passato con il presente. Un sogno idilliaco in cui le anime riprenderanno coscienza di sé, come disse il drammaturgo irlandese George Bernard Shaw: si usano gli specchi per guardarsi il viso, e si usa l’arte per guardarsi l’anima».