Non solo polo e s p o s i t i vo

La Prealpina - 24/08/2021

BUSTO ARSIZIO – Sono mesi che i vertici della Camera di commercio di Varese sono al lavoro per
la rinascita di Malpensa Fiere. La strada è stata
individuata subito dal presidente, Fabio Lunghi:
la struttura deve diventare un centro polifunzionale, non più legato esclusivamente agli eventi
fieristici. Lo ha insegnato la pandemia, con lo stop alle esposizioni nazionali e internazionali.
Non ci si può più concentrare soltanto su una attività. A giugno la firma del primo progetto legato alla formazione innovativa delle giovani generazioni. Una scelta certamente non casuale.
Malpensa Fiere ospiterà di fatto lezioni e laboratori che porteranno sviluppo e crescita per tutto il territorio. Un volano economico, insomma, che coinvolge le nuove generazioni. Un pilastro essenziale, dunque, intorno al quale si può costruire anche il futuro della struttura stessa.
Le opportunità del resto non mancano. Essere centro polifunzionale non significa abbandonare le manifestazioni fieristiche, la cui ripresa, però, ha ritmi più rallentati. Gli spazi ampi, poi, consentono di avviare collaborazioni con le aziende del territorio per l’organizzazione di riunioni ed eventi in totale sicurezza. Non solo. Gli enti pubblici hanno la possibilità di sfruttare i saloni per lo svolgimento delle prove di concorsi pubblici: il distanziamento è assicurato.
Le possibilità ci sono. Ora resta da capire, in collaborazione con Ats Insubria, le modalità organizzative del centro vaccinale per i prossimi mesi.