Nasce l’Insubria dei professionisti

L’Ordine Ticinese degli Ingegneri e degli Architetti (Otia) e gli Ordini degli Ingegneri e Architetti delle Province di Varese, Como, Lecco, Novara, e Verbano Cusio Ossola si sono incontrati nei giorni scorsi alla Comunità di lavoro della Regio Insubrica per affrontare diversi temi legati alla cooperazione transfrontaliera: lotta alla concorrenza sleale, definizione di chiare regole professionali, rispetto della reciprocità ed accesso al rispettivo mercato.

Da subito è emersa la volontà di eliminare la concorrenza sleale e favorire la libera concorrenza tra professionisti qualificati, al fine di garantire la realizzazione di opere di qualità, a favore dei committenti pubblici e privati.

In quest’ambito, i temi della deontologia professionale, dello scambio di informazioni, della formazione continua, della necessità di chiare regole nazionali che definiscono l’esercizio delle professioni e, non da ultimo, il tema dei concorsi di progetto sono ritenuti, dai vari rappresentanti, temi prioritari.

Non a caso l’assemblea che si è svolta nei giorni scorsi è frutto di sette mesi di incontri e tavoli tecnici.

Un primo obiettivo, molto concreto, è stata la proposta dello sviluppo di una applicazione finalizzata alla promozione di progetti realizzati sui nostri territori di frontiera tramite il concorso di progetto.

Otia e gli Ordini italiani vorrebbero promuovere in questo modo progetti di qualità realizzati in campo architettonico, di restauro ed ingegneristico grazie al concorso di progetto.

Un ulteriore tema trattato durante gli incontri è quello dello scambio d’informazioni in merito a professionisti che hanno violato le regole e la deontologia professionali, con relativa sanzione da parte degli Ordini. Progetto ancora in corso, volto a capire come poter procedere in considerazione delle differenze tra i sistemi legali tra Italia e Svizzera.

Lo scopo è evitare che professionisti sanzionati in un Paese lavorino nell’altro, a discapito degli altri professionisti corretti e dei committenti pubblici e privati. E’ questo uno degli ambiti in cui si articolerà la collaborazione.