Montalto nuova guida degli Alpin

È Franco Montalto (a destra nella foto) il nuovo presidente della sezione cittadina dell’Associazione nazionale alpini. A sei mesi dalla prematura scomparsa di Luigi Bertoglio, i delegati dei 78 gruppi della sezione lo hanno eletto l’altra sera al termine dell’assemblea, presieduta dal capogruppo di Varese, Antonio Verdelli, convocata nella sede Ascom. Ci sono volute due votazioni per conoscere il nome del vincitore della consultazione che, oltre al cinquantottenne capogruppo di Busto Arsizio, vedeva in gara anche il vicecoordinatore delle attività di protezione civile del 2° Raggruppamento, Mario Alioli, e Silvio Botter, figura emblematica e memoria storica delle Penne nere varesine.

Il risultato del primo scrutinio faceva registrare un vantaggio di Montalto di soli 10 voti nei confronti di Botter (71 voti) mentre, Alioli, che aveva guidato la sezione, in qualità di vicepresidente vicario, negli ultimi sei mesi, con i suoi 29 voti veniva escluso dal ballottaggio. Quindi Botter, ottenendo altri 85 voti, non riusciva a ribaltare l’esito della prima votazione, mentre con 97 voti Franco Montalto veniva scelto come presidente nei prossimi tre anni.

Il nuovo presidente, nato a Busto Arsizio, è sposato con la signora Antonietta ed è padre di Francesca e Roberta. Titolare di un laboratorio di restauro d’arte antica, Montalto dal 2008 era alla guida del gruppo di Busto Arsizio.

Appena eletto, il nuovo presidente ha voluto dedicare la sua vittoria a Valentino Bonin, il capogruppo di Cassano Magnago e consigliere sezionale scomparso improvvisamente quattro anni fa. I delegati hanno votato anche per il rinnovo parziale del consiglio della sezione. Sono stati eletti consiglieri Angelo Galmarini, Daniele Resteghini e Roberto Spreafico mentre, sono stati rieletti Severino Bassanese, Armando Cadario e Fabrizio Pedroni.

Montalto, che farà la sua prima uscita ufficiale domenica prossima, alle 11, al Sacro Monte in occasione della cerimonia di suffragio per il ministro Giuseppe Zamberletti, ha annunciato che promuoverà, nell’ambito del nucleo sezionale di protezione civile, la formazione di una squadra di operatori specializzati nella messa in sicurezza delle opere d’arte in caso di calamità naturali o atti vandalici.