Molestie e violenze sul posto di lavoro: a Ville Ponti si fa il punto sulla situazione in provincia

VareseNoi - 16/06/2022

Presso il suggestivo scenario delle Ville Ponti si è tenuto stamattina il convegno “Le violenze di genere nel mondo del lavoro”, organizzato dall’Organismo Paritetico Provinciale.

Grazie alla presenza di diversi relatori, è stata posta l’accento su un problema ancora diffuso e che, in molti casi, passa inosservato agli occhi della maggioranza dei cittadini.

Alessandro Castiglioni, presidente dell’Organismo Paritetico Provinciale, dichiara che «quando si parla di sicurezza sul lavoro si parla di infortuni e malattia, ma mai di violenza di genere, cioè una condizione che deve essere per tutti i lavoratori una condizione di benessere, di clima sereno: il lavoratore deve essere considerato per le sue capacità e certo non per il genere».

«Si stanno facendo tantissimi eventi per sensibilizzare sul tema, quello di oggi ne è un esempio lampante – le parole della dottoressa Anna Danesi – Sul territorio ci sono ancora molte situazioni critiche per quanto riguarda le molestie, ed è difficile che le lavoratrici denuncino, perché si sentono in qualche modo giudicate, si attribuiscono sensi di colpa»

Ad aprire il convegno è stato Fabio Lunghi, presidente di Camera di Commercio di Varese, che ha dichiarato a proposito della questione: «Questo è un problema che riguarda tutti i territori, è un problema che va controllato, è un problema di cultura fondamentalmente. È deprecabile che nel 2022 si debba parlare ancora di queste cose, è chiaramente necessario lavorare con un certo criterio e dare a tutti le stesse opportunità».

I casi segnalati negli ultimi due anni solo “solo” tre, ma Danesi spiega che «rispetto alle segnalazioni, la sensazione è che molte lavoratrici non siano ancora pronte a denunciare la situazione e ad andare avanti. Quindi prendono informazioni, ma sono poi reticenti».

A che punto si è, infine sulla sensibilizzazione sull’argomento? «Siamo abbastanza indietro» secondo Castiglioni.

«C’è da fare ancora molta strada dal mio punto di vista – conclude Lunghi – Noi come Camera di Commercio abbiamo il Comitato di Imprenditorialità Femminile, costituito lo scorso anno. Non bisogna mai sottovalutare nulla o dare per scontato che i problemi non esistano».