Maxi calandra da Varese al mondo

La Prealpina - 18/09/2017

Era la fine del 2016 quando nei capannoni della Comerio Ercole per la prima volta fu realizzata una calandra di sette metri, uno degli esemplari più grandi al mondo. Ora, a dieci mesi di distanza, non soltanto quella macchina destinata alla lavorazione di materie plastiche (nello specifico, alla produzione di film di plastica speciale che poi vengono accoppiati con altri materiali per realizzare isolamenti termo-acustici) funziona alla perfezione, ma negli uffici dell’azienda guidata da Riccardo Comerio sono stati firmati due nuovi contratti per la produzione di altrettante macchine gemelle. Una è stata ordinata dallo stesso cliente francese che per primo ha creduto nelle capacità dell’azienda varesina. L’altra, invece, è stata richiesta da un importantissimo gruppo chimico medio orientale.

«Siamo molto soddisfatti dei risultati raggiunti in tempi così contenuti – commenta Riccardo Comerio – L’anno scorso abbiamo realizzato la prima calandra in forma prototipale sulla base di un contratto finalizzato alla ricerca e sviluppo stipulato con il nostro cliente. Poi nei primi mesi del 2017 abbiamo messo in funzione e avviato la calandra con piena soddisfazione del nostro cliente». Soddisfazione che si è tradotta in un secondo contratto per un’altra macchina con le stesse caratteristiche. Sarà realizzata e consegnata entro il primo trimestre del 2018.

«Nel frattempo – continua il presidente degli industriali varesini – sul mercato l’innovazione di processo attuata da questo importante cliente europeo deve aver effettivamente cambiato i paradigmi competitivi di questo settore, tanto che un importante gruppo medio orientale ha acquistato una terza calandra». Insomma, l’ennesima dimostrazione che l’innovazione porta risultati. «Se si sta fermi – ribadisce Comerio – non si va da nessuna parte. Questo progetto è nato proprio come ricerca e sviluppo e ora siamo arrivati fin qui». Una strada che dietro di sè lascia soltanto effetti positivi. Il primo è il fatturato in crescita per l’azienda, che supera quota 70 milioni di euro. Il secondo, decisamente in controtendenza, è il numero di assunzioni firmate in sette mesi: 15 nuove persone entrate in azienda, per una forza lavoro complessiva di 200 dipendenti.

E non ci si ferma ancora, naturalmente. In Comerio Eercole è stata appena messa a regime la nuova sezione dell’ufficio tecnico e in cantiere – sarà pronto a breve – c’è un nuovo centro di formazione aperto alla clientela. A ciò si aggiunge anche una nuova area laboratori con un secondo laboratorio di processo.