Massa Carrara Nel 2018 a rischio anche la Camera di Commercio

QUINEWS

Nel 2018 la provincia di Massa Carrara perderà anche la Camera di Commercio. Questo se  dovesse passare la proposta di decreto legislativo di riordino

MASSA — Secondo quanto previsto dal decreto legislativo la camera di commercio è destinata a scomparire con effetti devastanti ed imprevedibili per le quasi 23 mila imprese e per tutto il tessuto economico.

“Effetti che sono ad oggi incalcolabili – anticipa Dino Sodini, presidente della camera di commercio – perché questa riforma rischia solo di provocare danni alle imprese e di decelerare una ripresa faticosa nel momento economico più delicato del dopo guerra. La Camera di Commercio è rimasto l’unico soggetto, dopo la chiusura della Provincia, a stimolare la promozione e lo sviluppo delle imprese, soprattutto quelle più piccole. Dal 2018 la nostra sede non avrà più nessun ruolo, ma sarà solo un ufficio periferico. Le decisioni importanti verranno prese altrove. Il diritto camerale insieme ai servizi esclusivi erogati dall’ente camerale – spiega ancora  Sodini – garantivano una capacità di riversare direttamente sulle imprese, e quindi sul territorio, risorse importanti destinate ad incentivare quei processi che altrimenti, da sole, non sarebbero riuscite a compiere.  Mi auguro che il Governo riveda il decreto alla luce anche delle considerazioni e delle analisi che arrivano dai territorio. La nostra provincia – conclude il presidente della camera di commercio – rischia di diventare sempre più un ghetto economico”.