Marrazzo trionfa con Marotta e Lazaar

Serata di grandi nomi e grandi premi a Ville Ponti. In una Sala Napoleonica al gran completo è stato assegnato il Premio VareseSport, giunto alla sua quinta edizione. A trionfare è stato il bomber del Varese Calcio Carmine Marrazzo, autentico dominatore della stagione di Eccellenza, che è sfociata nella promozione in Serie D dei biancorossi. Marrazzo ha superato in volata il capitano della Pallacanestro Varese Daniele Cavaliero, protagonista dell’avventura europea in Fiba Europe Cup dei ragazzi di Paolo Moretti. Più indietro in classifica Andrea Razzi, Alice Degradi, Lucia Parini e Mario Alberto Santana. Ospiti di lusso in sala, in primis l’amministratore delegato della Juventus Beppe Marotta, varesino cresciuto sotto le insegne ed i colori biancorossi del Varese Calcio. I due grandi ex Lo stesso Marotta è stato chiamato sul palco per consegnare il premio speciale ai dirigenti del Varese Calcio per la stagione trionfale dentro e fuori dal campo. «Sono molto riconoscente a Varese – le parole di Marotta – perché mi ha dato la possibilità di entrare a far parte dell’ambiente del calcio e di diventare l’amministratore delegato di una società gloriosa come la Juventus. Quindi devo molto della mia carriera alla città di Varese, al Varese Calcio e a tutte quelle persone che ho incontrato e che mi hanno dato la possibilità di crescere. Quando ho lasciato Varese ho girato l’Italia grazie al calcio. Il calcio negli anni ha cambiato la sua dimensione, ma non sono cambiati i suoi valori. Per me il calcio, ma in generale lo sport, rimane una grande palestra di vita». Non solo Marotta tra gli ex varesini, ma anche Achraf Lazaar, terzino sinistro del Palermo cresciuto nel settore giovanile del Varese e diventato grande con la maglia biancorossa, prima di approdare in Serie A con i rosanero. C’è anche il Sogno Atlantico Achraf, accompagnato dalla ragazza e dalla famiglia, che ancora risiede in provincia di Varese, sul palco è meno loquace di Marotta ma capace comunque di emozionare: «Tornare a Varese per me è sempre speciale, perché qui sono cresciuto, ho la mia famiglia, le mie radici». Achraf ha poi consegnato alla società Union Villa Cassano il premio Culla dello Sport, che è andato anche alla Pallacanestro Varese femminile e all’Accademia Scherma Gallaratese. Altri premi speciali di serata a Matteo “Sogno Atlantico” Perucchini, per la sua traversata atlantica su una barca a remi, a Giuseppe Marotta, allo stesso Achraf Lazaar, alla Varese Sport Commission, al Contest #chesquadralamia, ad Irene Baj e come anticipato prima, al Varese Calcio. I premi di miglior calciatore per categoria sono andati ad Andrea Falsaperna della Solbiatese per la Prima Categoria, che ha vinto con il 32% dei voti. Simone Lombardi del Busto 81 si è portato a casa il titolo di miglior giocatore della Promozione, con il 37% dei voti. Per quanto riguarda l’Eccellenza, premiato a sorpresa Mattia Dall’Aera dell’Union Villa Cassano con il 40% dei voti totali, bravo a battere i due assi del Varese Marco Giovio e Federico Zazzi.